Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Brugnaro critico con la Cgil: “Se scende in piazza sabato a Roma viola silenzio elettorale”

michetti brugnaro
Per il sindaco di Venezia esiste il rischio strumentalizzazione contro Michetti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Speriamo che non facciano una bella manifestazione strumentalizzata, alla vigilia delle elezioni, soltanto per il reale obiettivo di non fare eleggere Michetti sindaco di Roma”. Lo ha detto Luigi Brugnaro, sindaco di Venezia, a margine di un incontro con il candidato a sindaco di Roma del centrodestra, in Piazza del Popolo, teatro proprio sabato scorso della manifestazione No Vax. “Totale solidarietà alla Cgil e a tutto il sindacato. Dico solo che la manifestazione, organizzata da una sola sigla sindacale peraltro, fatta a Roma durante il silenzio elettorale non si può vedere, non si potrebbe vedere perché credo che non sia interesse neanche della Cgil. Spero che la manifestazione venga spostata da Roma”, ha aggiunto Brugnaro.

LEGGI ANCHE: Draghi in visita alla sede della Cgil dopo la devastazione

“Se fatta a Roma, sarebbe una cosa che non va bene. Se fatta a Roma, si capisce che c’era un piano, anche nell’assalto stesso“, ha detto ancora il sindaco di Venezia, secondo il quale “azioni così violente, nella sede di un sindacato, è una cosa che non si può vedere”. “Nella Capitale non si può fare, perché c’è il silenzio elettorale. Si faccia lunedì. Si aspetti che la gente vada a votare. Sennò la strumentalità è evidente”, ha sottolineato. Rispetto alle persone arrestate sabato, Brugnaro ha proseguito: “Bene ha fatto il governo ad arrestarli, perché è stata una cosa di una violenza incredibile, però siamo in campagna elettorale. Mi appello quindi al governo, e dico che non può concedere una manifestazione nel giorno di silenzio elettorale, non è pensabile – ha ribadito -. Dal punto di vista costituzionale, sarebbe una cosa totalmente errata perché in ogni caso ci sarebbe un condizionamento elettorale”.

“Se sabato participassero tutti i partiti e tutte le sigle sindacali? Si può fare ma da un’altra parte, a Milano, ma non nel giorno prima delle elezioni a Roma – ha puntualizzato il primo cittadino di Venezia -. Credo che ci debba essere un rispetto totale e rigoroso della Costituzione e per lo stesso motivo condanno fortemente e con grande sincerità” gli atti di sabato e “do totale solidarietà alla Cgil, al sindacato e a tutti i democratici d’Italia”, ha detto. “Quelle persone là (gli assalitori) vanno sciolte e messe in galera. Ma non inficiamo le elezioni a Roma”, ha concluso Brugnaro.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»