Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Card, Angrist e Imbens vincono il Premio Nobel per l’Economia

card angrist imbens premio nobel economia
Il riconoscimento dell'Accademia svedese è stato assegnato per metà al primo studioso, per i contributi empirici all'economia del lavoro, e per metà agli altri due
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il premio Nobel per l’Economia 2021 va al canadese-americano David Card, all’israelo-americano Joshua D. Angrist e all’olandese-americano Guido W. Imbens. In particolare, la metà del riconoscimento è stata assegnata al primo studioso, mentre la seconda metà congiuntamente agli altri due.

LEGGI ANCHE: L’italiano Giorgio Parisi vince il premio Nobel per la Fisica

Il premio Nobel per la Pace va a due giornalisti: Maria Ressa e Dmitry Muratov

Il premio a Card, si legge nelle motivazioni dell’Accademia reale svedese delle Scienze, è stato assegnato “per i suoi contributi empirici all’economia e al mercato del lavoro“. Ad Angrist e Imbens, invece, il riconoscimento va “per i loro contributi metodologici all’analisi delle relazioni causali che hanno dimostrato che dagli studi sul campo è possibile trarre conclusioni precise sul rapporto di causa ed effetto”.

LEGGI ANCHE: Il tanzaniano Abdulrazak Gurnah vince il Premio Nobel per la Letteratura

Il Nobel per la Medicina va agli americani Julius e Patapoutian

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»