Coronavirus, Di Maio: “A fine anno arrivano le prime dosi di vaccino”

"Da inizio 2021 inizieremo le vaccinazioni"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Dico agli italiani che non siamo all’ultimo miglio, ma quasi. Entro fine anno avremo le prime dosi di vaccino e da inizio 2021 inizieremo le vaccinazioni“. Lo ha detto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, a Mezz’ora in più, intervistato da Lucia Annunziata. Ieri il ministro della Salute, Roberto Speranza, aveva annunciato il vaccino per primavera dell’anno prossimo.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Viminale: “Mascherina all’aperto anche durante l’attività motoria”

DI MAIO: “L’ITALIA NON PUÒ PERMETTERSI UN NUOVO LOCKDOWN”

“Lo voglio dire chiaramente: l’Italia non può permettersi un nuovo lockdown, il sistema economico e quello commerciale non lo reggono”.

DI MAIO: “LA CAMPANIA NON È FUORI CONTROLLO”

“Non parlerei di situazione fuori controllo in Campania, sono sicuro che la Campania ce la farà come le altre Regioni. Per me sarebbe semplicissimo fare lo scaricabarile su De Luca, visti i miei rapporti con lui, ma non l’ho fatto e non lo faro'”.

DI MAIO: “ESCLUDO SCISSIONE, IDEE DIVERSE CONVIVERANNO”

 “Escludo una scissione, sono stato capo politico di una forza politica che e’ abbastanza elastica affinché quando ci sono delle sollecitazioni, non si spezzi. Sono anni che nel Movimento ci sono idee diverse e convivono insieme. Adesso, dopo 11 anni c’è bisogno di mettere a posto l’organizzazione”. 

 

DI MAIO: “TAVOLO CON PD SU CANDIDATI SINDACI, NON SCARICO RAGGI”

“Per spendere bene i fondi del Recovery dobbiamo puntare su candidati sindaci in sintonia con il governo. Questo richiederà un tavolo di governo il prima possibile, ma non mi fossilizzerei su Raggi o su Sala che sono sindaci uscenti. Per me Raggi ha lavorato bene, dobbiamo affrontare insieme il tema delle alleanze programmatiche in tutte le città senza scaricare nessuno”.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»