Saluto militare e bandiere turche per il calciatore della Roma Under: è bufera sui social

Cento: "Da Under gesto sbagliato, la Roma richiami il giocatore"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un gesto di esultanza che fa discutere. E’ quello del calciatore della Roma Cengiz Under, che, immortalato in uno scatto  dopo un gol segnato all’Olimpico contro il Benevento, fa il saluto militare. Il calciatore ha postato la foto sui social accompagnandola con delle bandiere della Turchia. Dura la reazione dei tifosi giallorossi e non: “Maledetto, la mia maglia non la infanghi in questo modo. La politica non entri nel campo di calcio e che la @OfficialASRoma prenda subito provvedimenti contro questo individuo”, scrive un utente. “Ma vergognati! il tuo portafogli è inversamente proporzionale alla tua intelligenza. Ridicolo omuncolo”, aggiunge un secondo. Vergognati tu ed il tuo dittatore, fuori da @Roma e dalla #asroma #freedomfortheKurds“, aggiunge una terza persona.

CENTO: DA UNDER GESTO SBAGLIATO, ROMA RICHIAMI GIOCATORE

“Mi stanno chiamando tanti tifosi della Roma che sono rimasti indignati per il gesto di Under”. Lo afferma il presidente del Roma Club Montecitorio Paolo Cento, di Sinistra Italiana-Leu, in merito al post sui social del calciatore Cengiz Under, mentre esulta con la maglia della Roma e fa il saluto militare con la bandiera turca.

“Hanno ragione a protestare- prosegue l’esponente romanista- in un momento di tensione internazionale e di sofferenza del popolo Curdo a cui tutta la comunità internazionale dovrebbe almeno riconoscenza per la lotta contro l’Isis, ci vorrebbe più sobrietà e cautela. Mi auguro che la As Roma prenda le distanze- conclude Cento- e richiami il giocatore a non coinvolgere i colori giallorossi e la maglia in questa vicenda”.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»