Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Marvel’s Inhumans, l’11 ottobre la serie tv sbarca su Fox

Saranno 8 gli episodi della prima stagione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In attesa dell’uscita nei cinema di “Thor: Ragnarok”, la nuova attesissima avventura del Dio del Tuono, disponibile dal 25 ottobre, i fan della Marvel possono saziare la loro fame di supereroi con una nuova e appassionante serie tv. Arriva l’11 ottobre in anteprima su Fox “Marvel’s Inhumans”. Ambientata tra la luna e la terra, la serie ci porta nel mondo degli inumani, una razza dotata di straordinarie abilità, creata tramite un particolare processo di nascita chiamato Terrigenesi.

Marvel’s Inhumans, 8 episodi per la prima stagione

La prima stagione si compone di 8 episodi e ha per protagonista la Famiglia Reale, con a capo il re Freccia Nera e la moglie Medusa. Le lotte di potere all’interno di questo universo saranno il vero motore della narrazione e in questo contesto assumerà un ruolo importante il personaggio di de Maximus (Iwan Rheon da Game of Thrones), fratello minore di Freccia Nera che tenterà di usurpargli il trono.

Del mondo degli inumani, nati dalla mente di Stan Lee e Jack Kirby nel lontano 1965, avevamo già avuto un’anticipazione nella passate quattro stagioni della serie Marvel’s Agents of S.H.I.E.L.D. Ora chi era rimasto affascinato da questo universo potrà ammirarne tutte le sfaccettature tramite questa nuova serie.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»