Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma, domani inaugura la mostra ‘Human landscape’ di Roberto Di Costanzo

Dopo la mostra nel 2015, Roberto Di Costanzo torna tra le mura della Galleria 28
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Segni, tratti, identità, attraverso tecniche miste, tra gessetti e chine. Un panorama di emozioni espresse dal corpo, con il corpo, per il corpo. Fisici senz’anima e anime senza fisico, corporeità che si muovono tra realtà e sogno, bellezze approssimative ma che si definiscono collegandosi alla propria quotidianità. Un corpo che diventa paesaggio dell’anima, un’anima che si sublima nella sua frammentarietà. Tutto questo è la mostra di Roberto Di Costanzo ‘Human landscape’, curata da Francesca Anfosso, che inaugurerà domani (giovedì) alle 19 nella Galleria 28, in piazza di Pietra a Roma, e sarà visitabile sino a metà novembre.

L’ingresso è gratuito. Le opere, una ventina in tutto, di varie grandezze, sono distribuite su due livelli: al primo si concentreranno gli elementi ‘human’, tra sguardi, mani e corpi, mentre al secondo prevale la parte ‘landscape’, con un forte richiamo ad elementi architettonici e urbani.


“Dopo la mostra nel 2015, Roberto Di Costanzo torna tra le mura della Galleria 28– spiega la titolare della galleria Francesca Anfosso-. E lo fa in grande forma, con un’esposizione che coniuga il vecchio e il nuovo, la ricerca e la conferma, tra nuovi soggetti e un excursus del vissuto, stilistico e artistico, del giovane artista”. Per l’artista, docente di anatomia artistica e ritrattista, il corpo è uno strumento indagatorio, custode dell’anima, metafora di un sentire più aulico non sempre visibile.

I dettagli anatomici vengono per la prima volta descritti su notevoli formati, esaltano espressioni interiori del sentire a ricreare un paesaggio di occhi, mani, piedi. “Non solo dettagli anatomici in grandi dimensioni- aggiunge l’artista- ma anche una forte attenzione nei confronti dell’architettura, perché è lì che si muove l’uomo”. Nel secondo piano, infatti, incontriamo una installazione che simula il suo cabinet d’artiste e la sua provenienza accademica, attraverso disegni preparatori, incompiuti, progetti e libri, con soggetti che raccontano la sua Roma.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»