Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

All’Unicusano in pausa pranzo si parla inglese VIDEO

Per tre giorni alla settimana, all’ora di pranzo, David, 32enne originario di Dublino, sarà a disposizione per fare due chiacchiere in inglese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – A pranzo, tra un boccone e un altro, ‘masticare’ anche qualche parola di inglese, conversando con un insegnante madrelingua. Succede alla mensa dell’Università Niccolò Cusano, a Roma, dove, anche in seguito a un processo di internazionalizzazione dell’ateneo, che ha aperto sedi in Francia, Spagna e a Londra, è partita oggi l’iniziativa, dedicata a studenti e dipendenti ‘Enjoy your lunch with David’.


dave_unicusano“Mi chiamo David e sono qui a Unicusano per conversare con gli studenti” si è presentato il giovane ai ragazzi che si sono avvicinati. Per tre giorni alla settimana, all’ora di pranzo, David, 32enne originario di Dublino, sarà a disposizione di chi vorrà fare due chiacchiere, praticando la lingua inglese, in un ambiente informale e rilassato.

“Credo che sia un’iniziativa fondamentale per gli studenti vista l’importanza che ha l’inglese per i nostri giovani- ha spiegato il rettore dell’Università Niccolò Cusano, Fabio Fortuna- è un biglietto da visita indispensabile. L’inglese va parlato, se non si parla spesso si dimentica, e soprattutto la conversazione aiuta a entrare nella dinamica della lingua”.

Il progetto nasce per creare un approccio sereno e divertente con la lingua inglese, ed è proprio per questo che con David si può scegliere qualsiasi argomento. “E’ più facile parlare inglese così perché viene naturale, non c’è troppo nervosismo” ha raccontato un ragazzo seduto a tavola con David. “Di solito non mi metto a parlare inglese perché sono molto timida, ma David ci ha fatto sentire a nostro agio” ha confessato una ragazza dopo aver pranzato assieme alle sue amiche e al giovane irlandese. L’impegno di David, infatti, è anche nel mettere a proprio agio i suoi commensali, per aiutarli a superare il peggiore ostacolo all’apprendimento: la paura di sbagliare.

di Flavio Sanvoisin, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»