Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sondaggio Dire-Tecnè: Lega risale ma FdI resta primo. Cala la fiducia in Draghi

matteo salvini giorgia meloni
Il partito di Giorgia Meloni continua a essere il preferito degli italiani. In leggera flessione la fiducia nel premier e nel Governo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Leggera risalita della Lega nel gradimento degli italiani che resta comunque sotto il 20% e al secondo posto con Fratelli d’Italia saldamente al comando. È quanto emerge da Monitor Italia, il sondaggio realizzato da Tecnè con Agenzia Dire, con interviste effettuate il 10 settembre su un campione di mille casi. La formazione di Giorgia Meloni (21%) si conferma infatti primo partito inseguito da quello di Matteo Salvini al 19,7% (+0,2% rispetto a 7 giorni fa). Cala di poco il Pd (-0,1%) e si conferma sul gradino più basso del podio con il 19,1%. Percentuale a due cifre anche per il Movimento 5 Stelle (16,3%) che guadagna uno 0,2% mentre Forza Italia è all’8,2%. Seguono Azione (3,5%), Italia Viva (2%), Sinistra Italiana (1,9%), Art.1 MDP (1,7%), +Europa (1,7%), Verdi (+1,5%).

sondaggio dire tecnè

DRAGHI IL POLITICO PIÙ AMATO, MA IL GRADIMENTO SCENDE

È ancora Mario Draghi il leader politico più apprezzato dagli italiani. Ma il premier vede scendere di 0,8 punti percentuali il suo gradimento. Seguono Giorgia Meloni e Giuseppe Conte, che però perde ben 1,8 punti in una settimana. Il presidente del Consiglio è ‘promosso’ dal 66,3% degli italiani, quindi Giorgia Meloni col 44,7% (+0,3%). L’ex premier Giuseppe Conte ottiene invece il 34,1% del gradimento precedendo Matteo Salvini (31,2%), Enrico Letta (29,6%), Silvio Berlusconi (29,6%), Roberto Speranza (28,2%) e Carlo Calenda (20%). Chiudono la classifica Emma Bonino (18,4%) e Matteo Renzi (10%).

sondaggio dire tecnè


Per quel che riguarda il trend del consenso del premier, scende leggermente la curva del gradimento rispetto a una settimana fa ma si mantiene a livelli elevati anche rispetto al giorno in cui si insediò. Il 13 febbraio, in occasione del suo giuramento, Draghi otteneva il 61% dei giudizi positivi e sette giorni dopo ritoccava ulteriormente il trend (61,4%). Poi un lento crollo durato quasi due mesi, fino al 51,7% del 30 aprile. Da maggio in poi la ripresa fino al 66,3% attuale: due italiani su tre, insomma, apprezzano il premier.

sondaggio dire tecnè

SCENDE (DI POCO) LA FIDUCIA NEL GOVERNO

In leggero calo la fiducia nel governo Draghi, ora al 55,8% dal 56,1% di una settimana fa. È quanto emerge da Monitor Italia, il sondaggio realizzato da Tecnè con Agenzia Dire, con interviste effettuate il 10 settembre su un campione di mille casi. Dopo una crescita costante nelle ultime settimane, la fiducia nel Governo conosce quindi una leggera flessione. Tuttavia il trend si mantiene a livelli alti dopo aver toccato solo il 14 maggio il punto più basso della fiducia degli italiani con il 45,1%, poi la ripresa successiva.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»