Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tromba d’aria a Pantelleria, due morti e nove feriti. Inizia la conta dei danni

pantelleria maltempo
Proclamato il lutto cittadino dopo la tromba d'aria che ieri pomeriggio ha colpito l'isola
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Lutto cittadino oggi a Pantelleria per le due vittime della tromba d’aria che ieri pomeriggio ha colpito l’isola. A perdere la vita sono stati Giovanni Errera, di 47 anni, e Francesco Valenza, di 86, entrambi panteschi. Errera era vigile del fuoco presso il distaccamento di Pantelleria ma al momento della tragedia non era in servizio. Nove, invece, i feriti, di cui quattro gravi. Oggi inizierà la conta dei danni.

La tromba d’aria si è formata in mare, al largo della costa nord-est dell’isola, e si è spostata sulla terraferma per un centinaio di metri sollevando auto e scoperchiando i tetti di alcune abitazioni della zona colpita, quella di contrada Campobello. Bandiere a mezz’asta oggi al Comune di Pantelleria, quindi, per decisione dell’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Vincenzo Campo, che ha anche annullato il concerto di Fabio Concato previsto per oggi.

Sul posto sono intervenuti carabinieri, vigili del fuoco e i volontari della Protezione civile. Nella tarda serata di ieri dall’aeroporto di Trapani-Birgi è partita una squadra di sei vigili del fuoco alla volta di Pantelleria a bordo un elicottero HH-139B dell’82esimo Centro Csar. Della squadra fanno parte tre uomini del Nucleo Saf (Speleo alpino fluviale), due del progetto Usar (Urban search and rescue) e un vigile del fuoco specializzato nella ricerca di persone scomparse.

“Difficile accettare una cosa del genere. Il dolore è lacerante perché ognuno di noi poteva essere lì in quel drammatico momento. Stiamo vicini più possibile alle famiglie colpite da questo grave lutto. Credo che siano stati momenti tra i più tristi che io possa ricordarmi”. Lo scrive il sidnaco di Pantelleria, Vincenzo Campo, sulla sua pagina Facebook, all’indomani della tromba d’aria che ha ucciso due persone sull’isola. “Vicinanza a chi ha rischiato la vita e sta curando le ferite fisiche e psicologiche – aggiunge -. Grazie di vero cuore a tutti i soccorritori che senza lesinare impegno erano lì a tirare su i cocci di una giornata terribile“.


“La tromba d’aria che è si abbattuta su Pantelleria ha purtroppo provocato due vittime, diversi feriti e moltissimi danni. Prego Iddio che il bilancio non si aggravi e sono vicino alle famiglie così improvvisamente colpite negli affetti più cari“. Così in una nota il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.

COLDIRETTI: “NEL 2021 GIÀ 105 TROMBE D’ARIA”

Dall’inizio dell’anno lungo la Penisola si sono verificate ben 105 trombe d’aria. È quanto emerge da un’elaborazione di Coldiretti su dati dell’European Severe Weather Database (ESWD) in relazione alla una tromba d’aria che si è abbattuta su Pantelleria causando morti, feriti e molti danni mentre è allerta della Protezione civile per il maltempo in Sicilia, Calabria, Basilicata, Puglia e Campania.

Una drammatica calamità che fa salire il conto degli eventi estremi del 2021 in cui – sottolinea la Coldiretti – si sono registrati in media in Italia quasi 6 nubifragi al giorno fra tempeste di pioggia, neve, vento, trombe d’aria e grandine. “Sono gli effetti del cambiamento climatico con l’eccezionalità degli eventi atmosferici che è ormai diventata la norma anche in Italia, tanto che siamo di fronte ad una evidente tendenza alla tropicalizzazione che – continua Coldiretti – si manifesta con una più elevata frequenza di eventi estremi con sfasamenti stagionali e territoriali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo. A pagare un conto salato – conclude la Coldiretti – è l’agricoltura italiana che per effetto dei cambiamenti climatici per gli eventi estremi ha perso più di 14 miliardi di euro nel corso di un decennio, tra produzione agricola nazionale, strutture e infrastrutture rurali”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»