Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | “Leghista terrone scuorno del meridione”, lo striscione al corteo contro Salvini a Napoli

"È una piazza che si pone in contrasto anche all'attuale governo perché loro e Salvini sono 2 facce della stessa medaglia", dichiara alla Dire Edoardo Sorge, leader del movimento disoccupati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Flavio Russo
NAPOLI – Un centinaio di persone provenienti da centri sociali, movimenti antirazzisti e antifascisti sta partecipando alla manifestazione organizzata in occasione della visita di Matteo Salvini a Napoli. Alla testa del corteo, partito da largo Enrico Berlinguer e che si sta spostando verso piazza Salvo D’Acquisto, uno striscione che recita: “Leghista terrone scuorno del meridione”. Sullo stiscione apposto un manifesto con la foto di Willy Monteiro Duarte con la scritta: “Giustizia per Willy, stop odio razzista”. Sul posto la polizia tiene sotto controllo la manifestazione, che comunque procede pacifica. “Non e’ una giornata solo contro Salvini”, dichiara alla Dire Edoardo Sorge, leader del movimento disoccupati. “E’ la giornata di quella Napoli che – sottolinea – tutti i giorni scende in piazza e manifesta e che sa bene che in questa crisi il nostro nemico e’ chi ci sfrutta e ci opprime. È una piazza che si pone in contrasto anche all’attuale governo – prosegue Sorge – perche’ loro e Salvini sono 2 facce della stessa medaglia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»