Coronavirus, Crisanti: “La febbre si sarebbe dovuta misurare a scuola. E soglia va abbassata a 37”

Per il virologo il governo ha scelto "un approccio che non porta alla chiarezza". E dice: "C'erano disponibili sistemi automatici e efficienti"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Io penso che non sia una procedura corretta fa misurare la febbre a 8 milioni di famiglie. Questo non è un approccio che porta alla chiarezza. Io penso che si sarebbe dovuto misurare la temperatura a scuola con sistemi automatici e efficienti che adesso sono disponibili”. Queste le parole di Andrea Crisanti, direttore di Microbiologia e virologia dell’Università di Padova, ad Agorà Rai Tre.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Misura della febbre a casa? Azzolina: “Così responsabilizziamo le famiglie”

“ABBASSARE SOGLIA FEBBRE RAGAZZI A 37-37,1”

“37,5 è stato un livello stabilito per gli adulti. Adesso sappiamo che la maggior parte delle persone o dei ragazzi di età tra i 5 e i 18 anni hanno sintomatologia lievissima e transitoria. Quindi è chiaro che la soglia deve essere abbassata se vogliamo catturare casi che passerebbero quasi inosservati. Va abbassata secondo a 37-37,1″, dice ancora Crisanti ad Agorà Rai Tre.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»