FOTO | Ecco ‘Morgana’, il nuovo libro di Murgia e Tagliaferri

Dieci storie di donne anticonformiste, scomode, spesso antipatiche, rivoluzionarie: sono le protagoniste del nuovo libro edito da Mondadori e presentato al Maxxi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

241A2674

241A2681

241A2693

241A2712

241A2720

241A2751

241A2763

241A2776

241A2788

241A2798

241A2809


Precedente
Successivo

ROMA – Dieci storie di donne anticonformiste, scomode, spesso antipatiche, rivoluzionarie: sono le protagoniste di ‘Morgana‘, il nuovo libro di Michela Murgia e Chiara Tagliaferri edito da Mondadori, che è stato presentato al Maxxi. 

Introdotte da Giovanna Melandri, presidente della Fondazione Maxxi, Murgia e Tagliaferri hanno raccontato di queste donne diverse tra loro, belle e terribili insieme, e delle quali Morgana, sorella potente e pericolosa del ben più rassicurante Re Artù, è la madrina ideale. Il loro obiettivo è piacersi, non compiacere, le loro storie sono educative, non edificanti: disegnano parabole individuali più che percorsi collettivi, ma finiscono paradossalmente per spostare i margini del possibile anche per tutte le altre donne. 

Da Vivienne Westwood, stilista che ha rivoluzionato il mondo della moda, all’ex pattinatrice Tonya Harding, da Shirley Temple alle sorelle Brontë, a Marina Abramovic, Caterina da Siena, Moana Pozzi, Moira Orfei, Grace Jones e anche Zaha Hadid, architetto tra i più influenti e visionari del nostro tempo, del cui genio il Maxxi è una delle testimonianze. 

‘Morgana’ non è un catalogo di donne esemplari; al contrario, sono streghe per le donne stesse, irriducibili anche agli schemi della donna emancipata e femminista che oggi, in piena affermazione del pink power, nessuno ha in fondo più timore a raccontare. 

Le Morgane di questo libro sono efficaci ciascuna a suo modo nello smontare il pregiudizio della natura gentile e sacrificale del femminile. Nelle pagine di questo libro è nascosta silenziosamente una speranza: ogni volta che la società ridefinisce i termini della libertà femminile, arriva una Morgana a spostarli ancora e ancora, finché il confine e l’orizzonte non saranno diventati la stessa cosa.

(Foto di Lavinia Inciocchi)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»