Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Scuola, Gallo (M5S): “Dal 1 gennaio 2020 al via 12 mila assunzioni degli Lsu”

Si sblocca la vertenza degli Lsu della scuola, Luigi Gallo (M5S) ha incontrato stamattina i lavoratori LSU-Lavori Socialmente Utili
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si sblocca la vertenza degli Lsu della scuola. Il presidente della commissione Cultura Luigi Gallo ha incontrato stamattina i lavoratori che manifestavano con le rappresentanze di base davanti a Montecitorio ed ha assicurato loro che dal 1 gennaio 2020 saranno assunti.

“Nella legge di bilancio 2018 abbiamo gia’ definito che 12 mila persone saranno assunte dal 1 gennaio prossimo. C’e’ stato purtroppo un ritardo nell’ultimo mese, dovuto al ministro della Lega che ha fatto slittare un po’ i tempi. Il ministro dell’istruzione Fioramonti, invece, fin dal primo giorno, quando l’ho chiamato, mi ha assicurato che aveva il dossier sotto mano e stava accelerando la pratica che prevederea’ la pubblicazione del decreto, il bando, i colloqui e poi le assunzioni”.

Incontrando i lavoratori giunti da tutta Italia, spiega Gallo, “ho cercato di rassicurare rispetto all’incertezza in cui ci aveva buttato Salvini negli ultimi mesi. I cittadini in questo momento hanno bisogno di un govenro che dia stabilita’, che guardi alla qualita’ della vita e al rinnovamento delle politiche nella scuola”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»