Cicciolina rivuole il vitalizio: “Lo faccio per i pensionati”

L'ex deputata a San Macuto con l'avvocato: "Voglio giustizia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “E’ un diritto acquisito, non esiste che vadano a toccare i diritti delle persone in modo retroattivo”. Ilona Staller è arrabbiata, gesticola e alza la voce. Con il suo avvocato sta entrando a Palazzo San Macuto per depositare il ricorso contro il taglio del vitalizio deciso con la delibera della Camera di due mesi fa. Intervistata dalla Dire, l’ex deputata è un fiume in piena: “Non lo faccio per me, per i miei soldi. E’ una battaglia che porto avanti per la povera gente, per i pensionati che adesso hanno paura”.

‘Cicciolina’, vestitino rosa e decolletè abbondante come negli anni Ottanta, insiste sui diritti: “Parlo con i pensionati ogni giorno, parlo con le persone normali che prendono 4-500 euro e hanno paura perché pensano che i prossimi saranno loro. Chi li ferma più questi del governo se passa l’idea che si può intervenire sui diritti acquisiti. I pensionati sono i prossimi a cui andranno a tagliare dei soldi”.  Con il presidente Roberto Fico e con Luigi Di Maio lei non vuole parlare: “Non ho niente da chiedere, stiamo freschi, non mi rivolgo a loro”. Ilona Staller non ha alcuna intenzione di fermarsi: “E’ una schifezza, non lo faccio per me- sottolinea- per i miei soldi, lo faccio per il popolo. E non mi fermerò, arriverò alla Corte Costituzionale e alla Corte europea dei diritti umani. Mi aspetto giustizia perché sembra di essere in una dittatura”, aggiunge.

Ti potrebbe interessare:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»