Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mondo di mezzo, appello ribalta sentenza di primo grado: c’è mafia, ma pene ridotte

18 anni e 4 mesi a Buzzi, 14 anni e 6 mesi a Carminati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Mafia Capitale c’e’ stata, ma le pene sono piu’ basse. La terza sezione della Corte d’Appello di Roma, presieduta da Claudio Tortora, ha ribaltato la sentenza di primo grado del processo sull’indagine ‘Mondo di Mezzo’ riconoscendo l’associazione per delinquere di stampo mafioso, prevista dall’articolo 416 bis del codice penale, per alcuni degli imputati. Tuttavia c’e’ stata una riduzione delle pene: Salvatore Buzzi dai 19 anni del primo grado e’ passato a 18 anni e 4 mesi. Ancora piu’ corposa la riduzione per Massimo Carminati: nel caso dell’ex Nar si passa dai 20 anni del primo grado ai 14 anni e sei mesi dell’appello.

PROCURA: RICONOSCIUTA LA NOSTRA TESI

Abbiamo sempre detto che le sentenze vanno rispettate. Lo abbiamo fatto in primo grado e lo faremo anche adesso. La Corte d’appello ha deciso che l’associazione criminale che avevamo portato in giudizio era di stampo mafioso e utilizzava il metodo mafioso. Era una questione di diritto, evidentemente i giudici hanno ritenuto che la tesi della Procura fosse fondata”. Cosi’ il procuratore aggiunto di Roma Giuseppe Cascini, in aula assieme al pm Luca Tescaroli in applicazione ai sostituti procuratori generali Antonio Sensale e Pietro Catalani, dopo la sentenza sul processo ‘Mondo di Mezzo’. Quanto alle pene ridotte: “La legge che ha aumentato le pene per l’associazione di stampo mafioso e’ entrata in vigore dopo gli arresti- ha aggiunto- immagino la Corte abbia ritenuto che gli arresti abbiano fatto cessare l’esistenza dell’associazione e la pena da applicare fosse quella predente alla riforma. Cosa che ha una sua ragionevolezza”.

RAGGI: SENTENZA CONFERMA SODALIZIO HA DEVASTATO ROMA

Questa sentenza conferma la gravita’ di come il sodalizio tra imprenditoria criminale e una parte della politica corrotta abbia devastato Roma. Conferma, qualora ce ne fosse ancora bisogno, che bisogna tenere la barra dritta sulla legalita’. E’ quello che stiamo facendo e continueremo a fare per questa citta’ e i cittadini”. Cosi’ il sindaco di Roma, Virginia Raggi, dopo la sentenza d’appello del processo sul l’indagine Mondo di Mezzo.

di Marco Tribuzzi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»