Ricerca. Il progetto Cropp della ‘Sapienza’ sbarca in Florida

Cropp è la app Made in Italy che va in aiuto degli agricoltori per il controllo dello ‘stato di salute’ dei loro terreni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  –  Cropp è la app Made in Italy che si è aggiudicata il primo premio internazionale nella categoria Global Impact dello Space apps challenge della NASA e va in aiuto degli agricoltori per il controllo dello ‘stato di salute’ dei loro terreni. L’hanno messa a punto gli studenti dell’università ‘Sapienza’ di Roma e oltreoceano ha raccolto molti consensi. Ora, Cropp (Coltures risks observation and prevention platform) sbarca anche in Florida.

grano_natura_cibo

“È una grande soddisfazione poter sostenere la crescita di giovani talenti italiani e introdurli in un sistema scientifico e di ricerca altamente competitivo come quello statunitense”. Lo ha detto Fabio De Furia, vice presidente esecutivo della Miami scientific italian community e presidente del Consorzio Roma ricerche in occasione degli incontri con la Florida international university e con l’University of Miami organizzati per presentare e promuovere Cropp.

Qui la pagina Facebook del progetto

Una missione scientifica di successo pianificata per sostenere le future attività di ricerca e sviluppo di Cropp che, dopo l’app premiata dalla Nasa, un viaggio al Kennedy space center, a Cape Canaveral, in Florida, un riconoscimento ricevuto dall’Ambasciata americana in Italia, si conclude con un ciclo di workshop con le più prestigiose istituzioni istituzioni accademiche e scientifiche, organizzato e promosso dalla Miami scientific italian community con il supporto del Consolato generale d’Italia a Miami.

LA APP – Cropp è una piattaforma progettata da un gruppo di studenti, coordinato da Paolo Gaudenzi del dipartimento di Ingegneria meccanica e aerospaziale dell’università La Sapienza e direttore scientifico del Consorzio Roma ricerche, selezionata dalla Nasa tramite un contest internazionale e che ha conquistato il primo posto all’International space apps challenge. L’obiettivo è sviluppare un innovativo sistema di monitoraggio e controllo delle colture agricole che raccoglie e analizza i dati raccolti attraverso un sistema di sensori in situ confrontandoli con delle immagini satellitari per una previsione di produzione, a lungo termine e su una più vasta scala.

“Il nostro ruolo è quello di aggregare la vasta comunità scientifica italiana presente in Florida e di promuovere la collaborazione Italia-Usa attraverso le istituzioni accademiche e scientifiche dei due Paesi. Le eccellenze presenti nelle università italiane- ha concluso De Furia- hanno bisogno di tutto il sostegno per poter creare, nel futuro prossimo, realtà produttive che contribuiscano allo sviluppo del nostro sistema economico”. “Il nostro obiettivo- ha dichiarato Vita Maria Valluzzi, vicario del console generale addetto economico finanziario e commerciale del Consolato generale d’Italia a Miami- è presentare all’estero l’eccellenza italiana legata a settori innovativi e di alta tecnologia. Appuntamenti come questi agevoleranno l’incontro e il dialogo con le forze trainanti del settore, quali i centri di ricerca, i venture capital, le innovation companies di grandi e medie dimensioni ed il tessuto capillare della ricerca e sviluppo come università, enti e laboratori in Florida. Per noi è prioritario sostenere e rendere il nostro sistema scientifico ed economico sempre più competitivo, aiutandolo ad esportare quel patrimonio di eccellenza tecnologica che sa esprimere in campo internazionale”.

“Fare crescere le competenze e la professionalità dei nostri studenti, questo l’obiettivo di una grande università- ha sostenuto il professor Gaudenzi- ed oggi questo obiettivo si raggiunge attraverso la proiezione internazionale e lo sviluppo delle nostre potenzialità di innovazione. La missione della Sapienza a New York alla Columbia university e poi in Florida, alla Nasa con i nostri studenti vincitori della Space app challenge, alla Florida international university ed alla University of Miami è un passo importante verso questo obiettivo nel campo aerospaziale. Abbiamo avuto la possibilità di valorizzare le capacità progettuali ed innovative dei nostri studenti e di rafforzare reti internazionali di relazioni scientifiche e di sviluppo imprenditoriale. I rapporti che abbiamo instaurato con le grandi università che abbiamo visitato e quelli con la Miami italian scientific community guidata dal professor Antonello Pileggi consentiranno di sviluppare opportunità di grande importanza per La Sapienza ed i suoi studenti”. “E’ stato un vero piacere poter incontrare questo gruppo di giovani italiani che si sono distinti a livello internazionale, portando avanti la lunga tradizione dell’Italia nel campo aerospaziale- ha dichiarato il professor Massimiliano Galeazzi (University of Miami – Associate chair, department of Physics) – Il meeting alla University of Miami e’ stato un successo su tutti i fronti e, mi auguro, possa essere il punto di partenza per una lunga e felice collaborazione tra l’universita’ La Sapienza di Roma e la University of Miami”.

 

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»