hamburger menu

In Liguria la Lega propone una ‘taglia’ da 3.000 euro sui piromani

Mai: "Una vera e propria taglia perché di criminali si tratta, delinquenti senza scrupolo che mettono a repentaglio vite umane e animali"

11-08-2022 17:00
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

GENOVA – Una “taglia” da 3.000 euro sui piromani e l’innalzamento delle sanzioni fino a 10.000 euro. Sono le misure contenute in una proposta di legge regionale annunciate dalla Lega in Liguria, a margine di alcuni sopralluoghi nel savonese del sottosegretario Gian Marco Centinaio. “Ogni estate, gli incendi devastano la Liguria e buona parte della macchia mediterranea della nostra nazione- sottolinea il capogruppo in consiglio regionale, Stefano Mai– la matrice dolosa accomuna la stragrande maggioranza di questi eventi che possiamo catalogare come catastrofi ambientali. Per questo motivo, la Lega ha depositato una proposta di legge in Consiglio regionale per alzare il tetto delle sanzioni fino a 10.000 euro per chi appicca dolosamente gli incendi e per istituire un premio in denaro di 3.000 euro a chi fornisce informazioni utili a identificare i piromani. Una vera e propria taglia perché di criminali si tratta, delinquenti senza scrupolo che mettono a repentaglio vite umane e animali, l’ambiente e il futuro del nostro territorio”.

INTROITI PER RIPRISTINO TERRITORI, E POTENZIAMENTO SISTEMA ANTINCENDIO

Gli introiti delle sanzioni, spiega ancora l’ex assessore, “saranno destinati per il 50% al ripristino, al recupero e al miglioramento dei territori incendiati e, per l’altra parte, a potenziare il sistema regionale dell’antincendio boschivo. La tempestività nell’avvistare gli incendi è fondamentale, per questo contiamo sulla collaborazione fattiva di tutti i cittadini con un ulteriore deterrente per fermare i piromani”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-11T17:00:18+02:00