Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Incendi, 300 interventi in 12 ore tra Calabria e Sicilia. E Reggio chiama l’esercito

incendi sicilia
I mezzi aerei sono in azione da giorni: le situazioni più critiche in Calabria nei Comuni di Roccaforte del Greco, Roghudi, Bagaladi e Cardeto, mentre in Sicilia il fronte di fuoco che preoccupa di più è a Petralia Soprana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – Per tutta la notte i Vigili del fuoco sono stati impegnati in Sicilia e Calabria, dove permangono le maggiori criticità: oltre 300 gli interventi svolti nelle ultime dodici ore, dall’alba sette Canadair in volo nelle province di Palermo, Messina, Catanzaro, Reggio Calabria e Cosenza. Le operazioni di spegnimento degli incendi boschivi che da giorni stanno interessando Petralia Soprana, nel Palermitano, sono andate avanti senza sosta per proteggere le abitazioni vicine ai fronti di fiamma.

LA SITUAZIONE IN CALABRIA

Continua ad essere attiva in Prefettura a Reggio Calabria la sala operativa per il monitoraggio ed il raccordo delle diverse componenti del sistema di Protezione civile impegnate a fronteggiare l’emergenza incendi che sta interessando questo territorio metropolitano. Criticità persistono ancora nei Comuni di Roccaforte del Greco, Roghudi, Bagaladi e Cardeto, dove sono impegnati da giorni più mezzi aerei. Particolarmente delicata la situazione in zona ‘Valle infernale’ del Comune di San Luca, con elevato rischio di coinvolgimento di una faggeta di pregio, patrimonio Unesco. Altri intensi focolai insistono nei territori dei Comuni di Cittanova e di Careri, e numerose sono le segnalazioni che continuano a pervenire.

LEGGI ANCHE: Allarme incendi in Calabria, Curcio chiama de Magistris: “Massimo impegno in Aspromonte”

In atto sono impiegate tutte le squadre dei Vigili del Fuoco del Comando provinciale potenziato con personale aggiuntivo proveniente anche da altre regioni, nonché dell’azienda Calabria. La Prefettura ha inoltre richiesto anche l’intervento dell’Esercito, i cui rappresentanti parteciperanno oggi ad un incontro operativo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»