Bonus Inps, il Garante della privacy: “Nessun ostacolo a pubblicare i nomi dei beneficiari”

Contestualmente comunica che sarà aperta una istruttoria in ordine alla metodologia seguita dall’Inps rispetto al trattamento dei dati dei beneficiari e alle notizie al riguardo diffuse
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Non c’è alcun ostacolo alla pubblicità dei dati di chi ha richiesto il bonus da 600 euro a meno che non emerga una situazione di disagio economico. Lo annuncia il Garante della privacy. “In relazione alla vicenda del bonus Covid, il Garante per la protezione dei dati personali precisa che, sulla base della normativa vigente, la privacy non è d’ostacolo alla pubblicità dei dati relativi ai beneficiari del contributo laddove, come in questo caso, da ciò non possa evincersi, in particolare, una condizione di disagio economico-sociale dell’interessato (art. 26, comma 4, d.lgs. 33 del 2013)”. E’ quanto si legge in una nota.

LEGGI ANCHE: Bonus Iva, Italia Viva: “Nessuno dei nostri coinvolto, Inps smentisca o pubblichi i nomi”

Deputati chiedono il bonus partita Iva, Di Maio: “Si dimettano”

“Ciò vale, a maggior ragione, rispetto a coloro per i quali, a causa della funzione pubblica svolta, le aspettative di riservatezza si affievoliscono, anche per effetto dei più incisivi obblighi di pubblicità della condizione patrimoniale cui sono soggetti (cfr., ad es., artt. 9 L. 441/1982 e 5 d.l. 149/2013, convertito, con modificazioni, dalla L. n. 13 del 2014). Il Garante contestualmente comunica che sarà aperta una istruttoria in ordine alla metodologia seguita dall’Inps rispetto al trattamento dei dati dei beneficiari e alle notizie al riguardo diffuse”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»