Altri 15 migranti fuggono dall’hotspot di Pozzallo, il sindaco chiede più sicurezza

Ammatuna: "Rispettare i diritti ma chi delinque deve essere punito"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Nuova fuga di migranti dall’hotspot di Pozzallo. A fuggire ieri sono stati in 15, due dei quali sono stati però rintracciati dalla polizia locale della cittadina ragusana. A darne notizia è il sindaco, Roberto Ammatuna, che chiede maggiore sicurezza: “Non si può non manifestare grande preoccupazione per queste continue fughe – dice -. Non è compito del sindaco entrare nel merito dell’organizzazione e della sicurezza della struttura. È però compito del sindaco chiedere maggiore tranquillità per i propri cittadini. Ecco perché la città chiede maggiore sicurezza per impedire la fuga di una tipologia di immigrati, gran parte tunisina, che ha il solo unico fine di fuggire e non rispettare le leggi del Paese che li ha accolti, forse anche perché esasperati da continue quarantene a cui sono sottoposti”.
Secondo Ammatuna “bisogna rispettare i diritti e la dignità di chi si accoglie, ma bisogna anche avere la certezza che chi delinque deve essere punito in modo esemplare”.

LEGGI ANCHE: Migranti, sindaco di Messina: “Se non chiude il Cas occupo la prefettura”

Positivi al Covid altri 14 migranti sbarcati a Pozzallo

Migranti, Razza: “Dall’hotspot di Lampedusa 12 positivi al Covid”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»