Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Wimbledon Djokovic è implacabile: Berrettini battuto

matteo berrettini @coni twitter
Il tennista romano: "È stato un onore, bellissima sensazione essere qui"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Foto di copertina @coninews/twitter

ROMA – Niente da fare per Matteo Berrettini. Il tennista romano è stato battuto in finale a Wimbledon da Novak Djokovic in quattro set, 6-7, 6-4, 6-4, 6-3, in tre ore e ventiquattro minuti. Per Djokovic è il sesto titolo.

BERRETTINI: “SENSAZIONI INCREDIBILI, È SOLO L’INIZIO

“Incredibili sensazioni da gestire, anche in questo Novak è più bravo di me”. Lo ha detto Matteo Berrettini, subito dopo aver perso la finale di Wimbledon contro Novak Djokovic. Il tennista romano ha voluto subito rendere omaggio al numero 1 al mondo: “Sta scrivendo la storia di questo sport, merita tutto”, ha detto ancora. Invece, sulla sua prova: “Sono contento della mia finale- ha proseguito- spero che non sarà l’ultima. È stato un onore, bellissima sensazione essere qui. Ringrazio la mia famiglia, il team, gli amici. È stato un lungo cammino, per me non è una fine ma l’inizio di una carriera. Continuiamo a provarci”.

MALAGÒ: “FINALE WIMBLEDON SIA SOLO L’INIZIO

“Orgoglioso di te e, con me, sono sicuro tutta l’Italia! Matteo Berrettini grazie per le emozioni che ci hai regalato! Che questa finale di Wimbledon sia soltanto l’inizio di una straordinaria carriera!”, scrive su twitter il presidente del Coni, Giovanni Malagò

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»