La scommessa di Gualtieri: aiuti arrivati, il titolare del bar davanti al Mef gli offre il caffè

"I settori della ristorazione e del turismo sono tra quelli più colpiti e sappiamo che le difficolta' non sono finite"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Il 13 maggio scorso, a poche ore dal Consiglio dei Ministri che avrebbe approvato il Decreto Rilancio, mi sono fermato a prendere un caffe’ in un bar davanti la sede del ministero. Il titolare, il signor Valerio, mi chiese notizie sulle misure che il governo stava predisponendo per fronteggiare la crisi economica, e io volli ‘testare’ l’impatto concreto del nuovo decreto su un esercizio commerciale che dopo l’allentamento del lockdown stava faticosamente preparandosi a ripartire“. Lo racconta su facebook il ministro dell’eocnomia Roberto Gualtieri.

“Tra il ristoro a fondo perduto- spiega-, la cancellazione del saldo-acconto dell’Irap di giugno, la detrazione sull’affitto, il taglio degli oneri di sistema delle bollette, il rinnovo dell’indennita’ per i lavoratori autonomi e della Cig, ne venne fuori un conteggio con una quantificazione dell’aiuto complessivo tutt’altro che trascurabile, e una simpatica scommessa: ‘se ricevero’ effettivamente quello che lei dice, ministro, le offriro’ il caffe’!’. Adesso che tutti quegli aiuti sono arrivati, il signor Valerio ci teneva ad onorare la scommessa ed e’ con vero piacere che sono qui a bere un ottimo caffe’ con lui”.

“I settori della ristorazione e del turismo- prosegue il ministro- sono, purtroppo, tra quelli maggiormente colpiti dalla crisi provocata dal Covid19. Le misure che abbiamo adottato hanno costituito un aiuto tangibile per affrontare la fase piu’ drammatica dell’emergenza e per poter ripartire, ma sappiamo, che le difficolta’ non sono finite. Per questo voglio dire a Valerio e a chi, come lui, ogni giorno alza la saracinesca in questo momento difficile di tenere duro: il Governo continua a lavorare per la ripresa dell’economia e per sostenere i lavoratori e le imprese. Perche’ la vera scommessa che dobbiamo vincere e’ quella di uscire da questa crisi tutti insieme”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»