Morte Vincent Lambert, il Vaticano: “Sconfitta per l’umanità”

Tetraplegico, da dieci anni in stato vegetativo, Lambert era divenuto simbolo del dibattito sul fine vita in Francia.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La morte di Vincent Lambert e la sua storia sono una sconfitta per la nostra umanità”: così oggi la Pontificia accademia per la vita e il suo presidente, monsignor Vincenzo Paglia, sul decesso annunciato stamane in Francia. La presa di posizione è stata comunicata sui profili social dell’Accademia.

Tetraplegico, da dieci anni in stato vegetativo, Lambert era divenuto simbolo del dibattito sul fine vita in Francia. Istituita nel 1994, la Pontificia accademia ha come fine “la difesa e la promozione del valore della vita umana e della dignità della persona”.

MORTE VINCENT LAMBERT, MELONI: CONDANNA A MORTE ESEGUITA

“La condanna a morte è stata eseguita: questa mattina alle 8.24 Vincent Lambert è stato ucciso”. Lo scrive su facebook Giorgia Meloni.

“La ‘civilissima’ Francia- aggiunge- ha tolto cibo e acqua ad un disabile grave contro la volontà dei suoi genitori. La Francia dei diritti ha condotto un disabile grave al patibolo e ha ritenuto che la morte fosse nel suo ‘miglior interesse’. Dopo Terri Schiavo, Eluana Englaro, Charlie Gard e Alfie Evans, oggi l’Occidente si macchia di un altro atroce esempio di una civiltà che considera un peso, uno scarto, qualcosa di cui liberarsi in fretta le persone malate e fragili”.

“Noi ci vergogniamo di un’Europa così crudele e continueremo a combattere contro la deriva eutanasica anche nel nome di Vincent. Ogni essere umano è unico e irripetibile, e per questo ogni singola vita è degna di essere vissuta”, conclude.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»