Sicurezza bis, Fico blocca gli emendamenti della Lega: la rabbia di Salvini

Il ministro dell'Interno: "Spero che non ci sia una parte dei M5s che tifano per l'antipolizia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Domando al grillino Fico perche’ no? Non e’ un dispetto a Salvini, sono proposte gia’ finanziate che se non venissero approvate alla Camera e al Senato vedrebbero sparire quei soldi. Non e’ un dispetto alla Lega. Stiamo parlando di buoni pasto per poliziotti aL lavoro, di pantaloni e camicie per poliziotti al lavoro, di assunzioni straordinarie per i vigili del fuoco…”, dice Matteo Salvini a proposito degli emendamenti al dl sicurezza bis dichiarati inammissibili dal presidente della Camera.

LEGGI ANCHE: Busta con proiettile indirizzata al ‘ministro Duce’ Matteo Salvini

“Spero che questi no diventino dei si’. Spero che sia stato un attimo di distrazione, che ci sia stata confusione. Spero che non ci sia una parte dei M5s che tifano per l’antipolizia”, aggiunge Salvini.

LEGGI ANCHE: Deputate troppo scollate e sandali in Parlamento, è scontro. Salvini: “A me piacciono”

“In questo modo- continua Salvini- Fico non rende un buon servizio alle Forze dell’Ordine e alla sicurezza del Paese. Sono proposte coerenti col Decreto Sicurezza bis e tutte già finanziate. Così rischiamo di perdere risorse già disponibili”.

LEGGI ANCHE: Sicurezza bis, gli emendamenti della Lega: multe a ong fino a un milione, sequestro immediato delle navi e arresto per il capitano

SICUREZZA BIS. FONTI CAMERA: SALVINI CONFUSO, COMMISSIONI AUTONOME

“Spiace per la confusione del titolare del Viminale riguardo al funzionamento delle Camere. Al momento la presidenza della Camera non ha ricevuto nessun emendamento e nessun ricorso sugli emendamenti, che sono oggetto del vaglio che i presidenti di commissione competenti svolgono in piena autonomia. A ogni modo se il ministro avesse avuto a cuore davvero le forze dell’ordine gli sarebbe bastato inserire le misure già nel decreto, cosa che invece non ha fatto”. Così fonti della presidenza della Camera replicano alle parole del vicepremier.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»