Al Pantheon protesta dei genitori contro il decreto sui vaccini VIDEO

"Siamo un coordinamento spontaneo di genitori del Lazio e di tutta Italia, siamo qui oggi e saremo in piazza anche domani e dopodomani"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Cori, tamburi e magliette arancioni. Al grido di “giù le mani dai bambini” e “libertà”, un corteo di genitori ha inscenato oggi pomeriggio a Roma, in piazza del Pantheon, una protesta contro l’obbligatorietà delle vaccinazioni.


I manifestanti si sono uniti in un girotondo intorno alla piazza per poi tentare di proseguire verso Palazzo Madama, dove si sta discutendo il contestato decreto vaccini.

“Non vogliamo etichette”

“Siamo un coordinamento spontaneo di genitori del Lazio e di tutta Italia – ha spiegato un manifestante alla testa del corteo, mentre le forze dell’ordine impedivano che la protesta proseguisse verso il Senato -, siamo qui oggi e saremo in piazza anche domani e dopodomani, così come abbiamo già fatto lo scorso 11 giugno”.

Ci rifiutiamo di riconoscerci in una targa o in un’etichetta, per noi il punto centrale è far capire che noi genitori abbiamo il diritto di far sentire la nostra voce senza che debba essere per forza ricondotta a un’appartenenza di qualsiasi natura” ha aggiunto, ribadendo la spontaneità della protesta. Il corteo si è poi disperso. Appuntamento a domani, in piazza delle Cinque Lune. (ha collaborato Barbara Laurenzi)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»