NEWS:

Caivano, si avvicina armato di coltello a Don Patriciello. Meloni: “Avrà sempre il sostegno del governo e il mio”

La nuova intimidazione è stata sventata prontamente dalle forze dell'ordine. L'uomo bloccato sarebbe un parente di un boss di camorra. Ora si valuta l'ipotesi del rafforzamento della scorta

Pubblicato:11-06-2024 17:34
Ultimo aggiornamento:11-06-2024 17:34
Autore:

FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

di Vittorio Di Mambro Rossetti e Nadia Cozzolino

ROMA – Nuove intimidazioni nei confronti di don Maurizio Patriciello, il parroco anticamorra di Caivano. Un uomo si è avvicinato armato di un coltello che gli fuoriusciva dalla tasca. A bloccarlo in tempo le forze dell’ordine presenti.

La notizia è emersa in queste ore, riferita dalla presidente della commissione Antimafia, Chiara Colosimo. Si tratterebbe del parente di un boss di camorra. L’episodio viene confermato del prefetto di Napoli Michele Di Bari, che, a margine di una riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, ha spiegato: “La sera stessa ero con don Maurizio Patriciello”.


Il prefetto parla di una “situazione delicata”, che Di Bari sta seguendo “minuto dopo minuto”, e che il prete sta vivendo “con grande serenità, perché Don Maurizio sa che al suo fianco c’è lo Stato”.

IPOTESI RAFFORZAMENTO DELLA SCORTA

“Certamente – ha aggiunto il prefetto – l’episodio che è accaduto a don Maurizio Patriciello ci impone una riflessione sulla sicurezza di questa persona impegnatissima, non a caso personalmente gli sono vicino quasi tutti i giorni”. Sull’ipotesi di un rafforzamento della scorta, Di Bari ha evidenziato: “In questi casi c’è una sensibilità”.

LA PREMIER MELONI: ‘AVRÀ SEMPRE IL SOSTEGNO DEL GOVERNO E IL MIO’

Al parroco è arrivata subito la solidarietà della premier Meloni che sui social ha scritto: “A Don Patriciello la mia totale solidarietà e vicinanza per l’ennesimo atto di intimidazione, fortunatamente sventato dalle forze dell’ordine. Il suo lavoro per portare legalità e speranza a un territorio martoriato dalla criminalità avrà sempre il sostegno del governo e mio personale. Siamo tutti con te!”.

PIANTEDOSI: ‘VICINANZA E SOLIDARIETÀ A DON PATRICIELLO’

“Esprimo la mia vicinanza e la mia solidarietà a Don Maurizio Patriciello, vittima di un grave episodio di intimidazione ad opera di un soggetto vicino alla criminalità organizzata. La fondamentale battaglia di legalità che il sacerdote da anni porta avanti con coraggio e sacrificio a Caivano, per costruire un futuro migliore in un territorio così complesso, vedrà sempre tutte le Istituzioni al suo fianco. Desidero inoltre rivolgere un ringraziamento agli operatori delle Forze dell’ordine per il loro tempestivo intervento”, ha dichiarato il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi.

LOLLOBRIGIDA: ‘SOLIDARIETÀ E VICINANZA A DON PATRICIELLO

“Solidarietà e vicinanza a don Patriciello per l’atto di intimidazione subito a Caivano. Il suo impegno e la sua dedizione per la comunità sono un faro di speranza e di giustizia per molti e atti del genere non fanno che rafforzare il nostro impegno come governo nel sostenere il suo lavoro. Lo Stato c’è”, ha dichiarato il ministro dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it