NEWS:

Gaza, Hamas accetta il piano per il cessate il fuoco: “Pronti a negoziare”

La risoluzione Onu approvata ieri promuove la road map Usa, ma nella Striscia ci sono ancora morti

Pubblicato:11-06-2024 12:49
Ultimo aggiornamento:11-06-2024 17:21

cessate fuoco gaza
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – Hamas accetta l’accordo in tre tappe proposto dagli Stati Uniti per raggiungere il cessate il fuoco nella Striscia di Gaza, nell’ambito della risoluzione approvata nella serata di ieri dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Lo ha confermato uno dei leader del gruppo palestinese, Sami Abu Zuhri, secondo l’agenzia Reuters. Già nella serata di ieri Hamas aveva accolto favorevolmente sia la risoluzione che il piano, garantendone il rispetto e la disponibilità a sedendersi a un tavolo per negoziare i dettagli. La Casa Bianca ha chiesto ai vertici del gruppo palestinese di fornire garanzie di tale impegno. Ora, tramite Abu Zuhri, è il gruppo a chiedere alla Casa Bianca garanzie circa l’adesione di Israele. Il governo di Tel Aviv non si è detto contrario al piano, tuttavia continua ad affermare che le operazioni militari proseguiranno fintanto che Hamas non sarà eliminato da Gaza, e questo pone dei dubbi sugli impegni che promette di assumere rispetto al cessate il fuoco.

Stamani ammontano almeno a nove le vittime degli attacchi israeliani che hanno colpito edifici residenziali di Gaza City, nella Striscia di Gaza. L’agenzia Wafa fa sapere che all’alba è stato colpita una casa nel quartiere di Sheikh Radwan, e uno degli occupanti ha perso la vita. Nelle ore precedenti un altro palazzo è stato bombardato, causando otto morti tra cui dei bambini. I soccorritori, secondo l’emittente Al Jazeera, sono al lavoro per trarre in salvo le persone intrappolate sotto le macerie. Uccise inoltre sempre in un attacco israeliano altre tre persone nell’area di Deir el-Balah, nel centro di Gaza.
Gli attacchi dell’esercito israeliano sono avvenuti nonostante il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Uniti ieri abbiano approvato la risoluzione 2735, che ordina l’immediato cessate il fuoco a Gaza e l’implementazione del piano di pace in tre tappe proposto dagli Stati Uniti lo scorso 31 maggio.

Il testo è stato approvato con 14 voti favorevoli, zero contrari e una sola astensione, quella della Russia. La risoluzione chiede alle “parti di implementare interamente i termini del piano senza ulteriori rinvii o condizioni”, che consiste nel completo ritiro delle forze israeliane da Gaza, il pieno ingresso di aiuti umanitari “su larga scala”, in cambio della liberazione di tutti gli ostaggi in mano ad Hamas catturati nell’aggressione dello scorso 7 ottobre. Il cessate il fuoco durerà sei settimane, un periodo nel quale le parti in conflitto dovranno lavorare per raggiungere un accordo che ponga fine in modo permanente alle ostilità. Subito dopo l’approvazione della risoluzione l’alto rappresentante per la politica estera dell’Unione europea Josep Borrell ha espresso apprezzamento e sostegno alla risoluzione.


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it