Apre ad Aosta la mostra su Guido Crepax e la sua iconica Valentina

mostra crepax aosta
L'assessorato ai Beni Culturali e al Turismo della Regione ha organizzato l'esposizione dedicata al grande fumettista al Centro Saint-Bénin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

AOSTA – Presentata oggi alla stampa, apre domani la mostra “Guido Crepax. I mille volti di Valentina” organizzata dall’assessorato ai Beni Culturali e al Turismo della Regione Valle d’Aosta al Centro Saint-Bénin, nel capoluogo regionale.

L’esposizione è dedicata a uno dei più celebri maestri del fumetto d’autore, è curata da Alberto Fiz in collaborazione con l’archivio Crepax. Oltre cento opere compongono l’allestimento, in cui lo spettatore può attraversare ambienti tematici in dialogo tra loro, arricchiti da manichini, sagome tridimensionali e tappezzerie d’autore.

Insieme alle tavole originali più emblematiche, la rassegna, divisa in sette sezioni, analizza l’indagine artistica di Crepax presentando documenti d’archivio inediti, copertine di dischi, oggetti di design, abiti, paraventi, studi per la pubblicità, grandi giochi tridimensionali. Un ruolo di primo piano è affidato alla sua icona più celebre, Valentina, che ha superato i confini del fumetto per diventare un personaggio della contemporaneità, in grado d’influenzare la storia della moda e del costume. Valentina appare attraverso una serie di opere che ne descrivono l’unicità nella storia del fumetto in quanto la sua immagine nasce dalla contaminazione tra mito (l’attrice Louise Brooks) e realtà (la moglie Luisa).

“Ho scoperto un artista poliedrico, capace di spaziare tra tecniche diversespiega durante l’inaugurazione l’assessore regionale ai Beni culturali e al Turismo, Jean-Pierre Guichardaztante donne trovavano un modello in Valentina, personaggio fuori dagli schemi ed emancipata, splendida icona dei nostri anni che non temeva di utilizzare la sua femminilità provocante e seducente”.

La mostra sarà aperta al pubblico dal martedì alla domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18, fino a domenica 17 ottobre, I biglietti costano 6 euro (intero), 4 euro (ridotto); è gratuito l’ingresso per i minori di 25 anni. Il biglietto in abbonamento con la mostra “The Families of Man” al Museo archeologico regionale di Aosta, costa 10 euro (intero) o 6 euro (ridotto). La mostra è inserita nel circuito dell’Abbonamento Musei.

LEGGI ANCHE: Al via a Courmayeur la grande festa dello sport

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»