Quirinale, il coltivatore diretto a Mattarella: “Rimanga presidè!”

mattarella
Un coltivatore diretto, grembiule e mascherina gialla (viste le norme CoViD), fa un gesto di incoraggiamento con le braccia al Presidente della Repubblica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Grande presidente, rimanga presidè, rimanga”. Uno smaccato accento romano e una grande stima per il nostro Capo dello Stato. Mentre Sergio Mattarella gira tra gli stand della Coldiretti – allestiti a Castelporziano per la prima festa dell’educazione alimentare per le scuole – un coltivatore diretto, grembiule e mascherina gialla (viste le norme CoViD), fa un gesto di incoraggiamento con le braccia al Presidente della Repubblica, rivolgendogli un appello ‘de core’ (si direbbe a Roma) a continuare il mandato oltre la scadenza.

Nelle settimane scorse Mattarella, in particolare in un incontro proprio con alcuni alunni di un istituto romano, aveva rimarcato il suo desiderio di non proseguire dopo il settennato: “Tra otto mesi il mio incarico termina- aveva detto rispondendo alle domande dei bambini- io sono vecchio, tra qualche mese potro’ riposarmi“.

Alle parole del coltivatore diretto il presidente fa comunque un gesto cortese con il capo e un cenno di saluto, proseguendo nel percorso didattico che dà il via alla stagione estiva delle fattorie per i ragazzi, allestito nella tenuta presidenziale sul litorale romano.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»