VIDEO | Coronavirus, Razzante (Task force Chigi): “Sito e campagne contro le fake news”

Lo racconta all'agenzia Dire Ruben Razzante, giornalista e professore universitario, componente della task force anti fake news di Palazzo Chigi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Ruben RazzanteROMA – Un sito internet con “tutte le informazioni di pubblica utilità” sul covid, campagne di sensibilizzazione in tv, sui media, sui social. E corsi di formazione per i comunicatori pubblici. Sono gli strumenti che la task force governativa contro le fake news vuole mettere in campo per assicurare una corretta informazione sul coronavirus. Lo racconta all’agenzia Dire Ruben Razzante, giornalista e professore universitario, componente della task force anti fake news di Palazzo Chigi. Interpellato dall’agenzia Dire, Razzante spiega: “Siamo in una fase cruciale del lavoro della task force perché dopo due mesi di lavoro gratuito noi otto esperti e i rappresentanti delle tre istituzioni, il dipartimento dell’informazione editoria di Palazzo Chigi, il ministero della Salute e il dipartimento della Protezione civile abbiamo tutti insieme stilato un documento che da ieri è pubblico sul sito del dipartimento informazione editoria di Palazzo Chigi e riassume le iniziative che il governo intenda assumere per contrastare efficacemente la disinformazione sul covid”.

LE INIZIATIVE

“Si tratterà di campagne di sensibilizzazione ma soprattutto della creazione di un hub, cioè di un luogo nel web, una sorta di sito, che accentri tutte le informazioni di pubblica utilità e quindi tutte le informazioni utili al cittadino per comportarsi correttamente rispetto alle misure di distanziamento e contenimento. Una sorta di banca dati unificata che contenga anche tutte le faq, le domande più frequenti che ciascuno di noi si fa e alle quali spesso non sa come rispondere e che finiscono per trarre in inganno e suscitare inutili euforie o allarmismi”.

Non solo, prosegue Razzante: “Ci saranno campagne promozionali sui media, di sensibilizzazione e promozione di cultura della rete con degli spot che il governo preparerà e serviranno a far comprendere l’incidenza negativa delle fake news sulle scelte individuali. Produrremo dei video, anche molto piccoli, da mettere su YouTube e su altri canali social perché ci rendiamo conto che molti utenti del web non sono soliti seguire la televisione quindi resterebbero fuori dalla fruizione della campagna di sensibilizzazione televisiva. E poi ci sarà tutto un impegno per la formazione dei comunicatori pubblici affinché possano conoscere più facilmente le fake news e quindi preservare gli enti pubblici per i quali lavorano da fake news che potrebbero risultare dannose per il diritto”.

RAZZANTE (TASK FORCE CHIGI): “DESTABILIZZANO ECONOMIA”

“Combattere le fake news, soprattutto in questo momento di ripartenza, è importante perché rischiano di “destabilizzare il sistema socio-economico-, spiega Ruben Razzante- C’è un risvolto della pandemia che si chiama infodemia, cioè la circolazione incontrollata di notizie non vagliate e non verificate che non solo influenzano negativamente i comportamenti delle persone ma destabilizzano il sistema socio-economico quindi è su quello che noi stiamo agendo e lavorando. C’è un nesso innegabile e inscindibile tra il diritto all’informazione e il diritto alla salute: più siamo informati e più proteggiamo meglio la nostra salute e più preserviamo il sistema socio-economico dalla disfatta”.

Per Razzante “in questa fase è importante prestare attenzione a tutti gli effetti collaterali della disinformazione perché è vero che il virus sta scemando, ma ci sono tante altre patologie che sono state trascurate negli ospedali e che sono ugualmente gravi e meritevoli di attenzione. Poi c’è un problema concreto di crisi economica e sociale di tante categorie che sono a disagio: pensiamo al settore del turismo. Quindi dobbiamo stare attenti a far passare i messaggi giusti affinché la gente rispetti le norme di comportamento, le precauzioni igieniche e sanitarie e nello stesso tempo riprenda le attività consuete perché c’è bisogno di far muovere l’economia e rivitalizzare una società che purtroppo durante il lockdown si era spenta”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»