Reddito di cittadinanza ai mafiosi? Crimi (M5s): “L’importante che siano stati beccati”

Il capo politico del M5s difende il reddito di cittadinanza: "Ci sono strumenti di sorveglianza"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “La cosa piu’ importante e’ che queste persone siano state beccate, inoltre il reddito di cittadinanza ha degli strumenti di sorveglianza, di vigilanza e di sanzione che sono straordinari ed e’ il motivo per cui oggi ci stiamo accorgendo di molte situazioni come questa, oggi sfuggono piu’ difficilmente. E dico che comunque che i cittadini che fruiscono del reddito di cittadinanza sono 2 milioni e mezzo”. Lo ha detto il capo politico del Movimento 5 stelle, Vito Crimi, a Rtl 102.5, in merito agli arresti di questa mattina di persone che appartengono alla ‘ndrangheta, che percepivano il reddito di cittadinanza.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Reddito di cittadinanza, scoperti 37 furbetti nel Reggino

GELMINI: RDC AI BOSS, MA PER CRIMI E’ TUTTO OK

“Boss e personaggi di spicco della ‘ndrangheta, tra cui soggetti gia’ condannati per associazione a delinquere di stampo mafioso, percepivano il reddito di cittadinanza. Per Crimi e’ tutto ok e i controlli sono efficaci. Noi crediamo che questo strumento vada completamente ripensato”. Lo scrive su Twitter Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»