Piano di rilancio Banca Popolare di Bari, Emiliano: “Regione pronta a entrare nel capitale”

Prepensionamenti "su base volontaria" e "un risparmio di 67 milioni di euro". Confermata inoltre la chiusura di 91 filiali rispetto alle 94 annunciate
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “La Regione Puglia e’ disponibile a entrare nel capitale della Banca Popolare di Bari”. Lo fa sapere in una nota il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano che ieri ha partecipato a Roma alla riunione che si e’ svolta al ministero dell’Economia sulla Banca Popolare di Bari mentre sindacati e i commissari dell’istituto di credito hanno raggiunto un accordo che prevede pensionamenti e prepensionamenti gestiti “solo su base volontaria” che “permetteranno un risparmio di 67 milioni di euro, meno rispetto ai 70 milioni inizialmente chiesti dai commissari”.

Confermata la chiusura di 91 filiali rispetto alle 94 annunciate. Nel corso del vertice romano, il governatore ha evidenziato che “e’ vero che e’ necessario salvare la banca, e’ vero che bisogna essere attenti alle questioni occupazionali, ma la cosa piu’ importante e’ dare una prospettiva a questi 70mila azionisti”. Per Emiliano il piano di salvataggio “e’ un piano di rilancio” perche’ la banca “deve ricominciare a svolgere il ruolo che ha sempre svolto, ridando nel piu’ breve tempo possibile valore alle azioni, soprattutto mantenendo in societa’ tutti i soci che in questo momento stanno vedendo le loro azioni pregiudicate. Rimanendo soci si avra’ non solo la possibilita’ a condizioni di particolare favore di ottenere tutti i servizi bancari e i mutui che sono necessari, ma in generale riavviare una solidarieta’ tra i 70mila risparmiatori – conclude Emiliano – la banca che verra’ in questo modo rilanciata, consentira’ a ciascuno di attutire il danno oggettivo che si e’ verificato a causa di quello che e’ accaduto”.

LEGGI ANCHE: 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»