Imprese. Dall’India all’Italia, storie delle donne Pangea

DireDonne e Fondazione Pangea hanno siglato una mediapartnership per diffondere la conoscenza di queste storie e dei progetti che le hanno trasformate
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Storie di imprese innovative e di successo. Donne imprenditrici che hanno trovato il modo di far quadrare business, conciliazione con la vita familiare, ecologia e sociale. Valentina Biancospino, che a Roma zona Eur ha la gastronomia bio e vegetale ‘Fresco B.’, e Chiara Bongiovanni, che insieme ad Alessia Battaglia ha lanciato le ‘Pulci volanti’, casa editrice nata per i bambini. Entrambe hanno frequentato il corso di formazione ‘Giovani donne che impresa’ della Fondazione Pangea e alla Dire hanno raccontato perché questa è stata la svolta. Insieme a loro, negli studi dell’agenzia, Smita Premchander, esperta di politiche femminili ed empowerment socio-economico delle donne che con la sua Fondazione in India è partner di Pangea da molti anni, nello specifico per il progetto a Varanasi. E’ la fondatrice e direttrice della Fondazione Sampark partner di Pangea.

“Con Pangea ci siamo conosciuti nel 2005- ha ricordato Smita- All’inizio lavoravamo per 400 donne e sono diventate 14mila, organizzate in piccoli gruppi di 15-20, che si incontravano ogni settimana, accantonavano ‘mezzo pound’ per poi maturare un capitale complessivo”. Sono “vere e proprie cooperative per il mutuo finanziamento ed è stato lanciato ora un nuovo progetto a Varanasi dove lavoriamo con 1.000 donne. E’ una realtà difficile perché qui le donne sono molto piu’ povere e l’alleanza con Pangea non è solo volta allo sviluppo economico, ma anche all’empowerment sociale”.

CONCILIARE LAVORO E VITA PRIVATA

Dall’India all’Italia, in una condizione socio-economica completamente diversa, i problemi sul lavoro per le donne sono legati alla conciliazione con i ritmi della vita privata. Infatti, a dispetto di quello che dicevano alcune compagne di corso, “chiudo ‘Fresco B.’ – questo il nome del locale che Valentina Biancospino ha aperto 2 anni fa – ogni giorno alle 16, perché sono una mamma. Ho conosciuto Pangea 3 anni fa e grazie al corso di formazione il mio progetto ha preso forma. Sono una donna lavoratrice e sono una mamma” e con il ristorante “sono riuscita a trasmettere consapevolezza alimentare: piatti di qualità massima, solo biologici, bei colori e sapori, dal formaggio di mandorla al cous cous di cavolfiore”.

Poi ci sono le ‘Pulci Volanti’ di Chiara Bongiovanni, educatrice e illustratrice per bambini che della sua esperienza ha ricordato anche l’importanza di aver potuto “accedere al microcredito di Banca Etica grazie al supporto di Pangea: un elemento per noi fondamentale” che ha permesso a questa casa editrice di sbarcare sul mercato. Sono libri speciali che Chiara ha definito “pulciosi”. “Sono fatti di carta proveniente da foreste controllate e non sbiancata, stampati da tipografie che hanno la certificazione ecologica su tutta la filiera” e alcuni libri “vengono rilegati in carcere” e sono sempre pensati come “strumenti interattivi”. Sociale, ecologia ed educazione stanno così insieme e ogni bambino in questi libri puo’ leggere la sua storia, immaginarla, viverla da protagonista come accade nei “Sognaliberi”: libri non rilegati con pagine e titoli che si possono comporre in un mosaico libero.

“Pangea è credere nella sostenibilità, nell’organizzazione delle donne- in questa modalità di gruppi ad esempio- che possono così cooperare a livelli sempre più alti e quando le donne iniziano ad avere capitale nelle loro mani cominciano ad avere voce e insieme il loro potere è più forte” ha spiegato Smita Premchander, sottolineando che lo sviluppo promosso dalla Fondazione “non è solo economico e per questo ha un percorso difficile, fatto anche di cadute”, ma proprio così “le donne imparano a supportarsi a vicenda”.

Proprio come le ‘Pulci volanti’ di Chiara Bongiovanni che “possono arrivare ovunque, dando le ali anche a chi spesso non le ha”. Progetti ambiziosi perché “un’impresa è come un secondo figlio- ha detto Valentina Biancospino- ma si puo’ conciliare tutto pianificando e scegliendo” e si puo’ imparare a farlo perché “Pangea conosce bene le donne”.

LA MEDIAPARTNERSHIP TRA DIREDONNE E FONDAZIONE PANGEA

DireDonne e Fondazione Pangea hanno siglato una mediapartnership per diffondere la conoscenza di queste storie e dei progetti che le hanno trasformate. Come ha spiegato la vicepresidente della Fondazione Pangea, Simona Lanzoni, “uno dei modi in cui la donna puo’ realizzarsi è attraverso l’impresa e il microcredito serve a motivarle e focalizzarle. Pangea non si occupa solo del contrasto alla violenza, vogliamo comunicare che le donne ‘possono'”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»