Your monthly usage limit has been reached. Please upgrade your Subscription Plan.

Italia
°C

La piccola Noemi ha lasciato l’ospedale Santobono

Lo annuncia il presidente della Regione Vincenzo De Luca: "Continueremo ad essere vicino a Noemi, che finalmente è tornata a casa, e alla sua famiglia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – La piccola Noemi, ferita per errore durante una sparatoria a inizio maggio, ha lasciato l’ospedale. 

“Questa mattina, nel giorno in cui lascia il Santobono, ho fatto visita alla piccola Noemi e ai sui genitori. Continueremo ad essere vicino a Noemi, che finalmente è tornata a casa, e alla sua famiglia”, annuncia il governatore della Campania, Vincenzo De Luca. “È stato un incontro emozionante – dice -, simile a quello avuto nei giorni successivi al gravissimo episodio di cui è stata vittima innocente. Bisogna ancora una volta dire grazie ai medici e al personale sanitario che sono stati straordinari, confermando quanto sia un’eccellenza l’ospedale Santobono”. A Noemi, il presidente della giunta regionale, ha donato la bambola della sirena Partenope, mascotte delle Universiadi di Napoli 2019.

Napoli, la piccola Noemi non è più in pericolo di vita

Preso l’uomo che ha sparato a Noemi a Napoli, la bimba respira da sola

FOTO | Napoli, Mattarella al Santobono per fare visita a Noemi

Napoli, Fico da Noemi ferita. In piazza in migliaia per dire ‘no’ alla camorra

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»