Eritrea, 100 scrittori africani ad Afewerki: “Liberi i prigionieri”

Più di cento tra scrittori, intellettuali e attivisti dell'Africa hanno scritto una lettera al presidente Afewerki. Tra loro il premio Nobel alla letteratura Wole Soyinka
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una lettera aperta al presidente Isaias Afewerki con l’appello a “riportare l’Eritrea nel suo giusto posto nella famiglia delle nazioni d’Africa” e a “rilasciare giornalisti e prigionieri politici” è stata pubblicata da oltre cento tra scrittori, intellettuali e attivisti del continente. Nel testo, rilanciato da alcune delle principali testate subsahariane, si evidenzia che l’Eritrea è descritta spesso come “una delle società più chiuse” d’Africa.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Eritrea, Jaber (scrittore): “Chi emigra fugge dittatura, non fame”

A firmare l’appello tra gli altri il nigeriano Wole Soyinka, primo premio Nobel della letteratura africano, lo scrittore etiopico-americano Maaza Mengiste e l’attivista anti-corruzione keniano John Githongo. Nella lettera si cita il nodo delle migrazioni. “Siamo rattristati – scrivono i firmatari – dalle sofferenze delle tante migliaia di africani, anche eritrei, che si sentono costretti a lasciare la loro patria in cerca di una vita migliore per se stessi e per le loro famiglie”. Scrittori, intellettuali e attivisti sottolineano di voler inviare una delegazione ad Asmara per parlare con il presidente ma anche con i cittadini comuni, “compresi giornalisti, scrittori e altre persone oggi imprigionate”.

Formazione marxista, già militante del Fronte per la liberazione dell’Eritrea, Afewerki è stato protagonista dell’indipendenza dall’Etiopia conquistata nel 1991 e sancita dalla sua elezione alla guida dello Stato nel 1993. Una fase differente, con accuse di militarizzazione della società e di negazione di libertà civili, si è accentuata dopo il conflitto con l’Etiopia combattuto tra il 1998 e il 2000. Tensioni, queste con Addis Abeba, che un’intesa di riconciliazione siglata lo scorso anno avrebbe però contribuito a ridurre. “Questo accordo – annotano al riguardo gli scrittori – è uno sviluppo molto apprezzato da tutti gli africani di buona volontà”.

LEGGI ANCHE: Asmeret, rifugiata in Etiopia: “Non torno in Eritrea, la pace non basta”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»