A Bologna le Summer school targate Mast, anche sul clima

Ai nastri di partenza la quarta edizione delle Summer school della Fondazione Mast: tre i percorsi tra cui scegliere, per tuffarsi nei temi della manifattura 4.0 e imparare a lavorare in squadra
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una settimana per tuffarsi nel mondo della manifattura 4.0 e confrontarsi con tecnici, manager, ricercatori, oltre che per lavorare in team e scoprire le tecnologie del futuro. A Bologna tornano le Summer school della Fondazione Mast, giunte alla quarta edizione e rivolte agli studenti di terza e quarta superiore dell’Emilia-Romagna. Si svolgeranno da domenica 7 luglio a domenica 14 luglio e a ciascuna possono iscriversi fino a 30 partecipanti selezionati tra i candidati.

Tre scuole per tre temi: climate change, Internet e intelligenza artificiale

Le ‘scuole’ sono tre, diverse per argomenti: si può scegliere il mondo di Internet, l’intelligenza artificiale oppure il tema dei cambiamenti climatici, che è un po’ la novità di questa edizione 2019. Gli studenti, dopo la fase di approfondimento, lavorando in squadra si cimenteranno a preparare un progetto pratico con il supporto dei ricercatori e docenti universitari.

Il percorso formativo dedicato al clima, estremamente d’attualità e intitolato “Climate change, sustainability and citizenship“, punta ad accompagnare gli studenti alla scoperta dei processi di transizione più efficaci per uno sviluppo economico, sociale, ambientale sostenibile. Il progetto su cui lavoreranno gli studenti verterà sul carbon footprint della loro scuola. Per tuffarsi nel mondo della rete c’è “Internet of Things“, dedicato alle tecnologie che stanno cambiando il modo di vivere, di muoverci, di fare acquisti e produrre beni e servizi, dalla progettazione di smart object alla stampa 3D, dalla prototipazione rapida di oggetti connessi allo studio di sensori ed attuatori. C’è poi “Intelligenza artificiale“, dedicato alle innovazioni in grado di risolvere i problemi o svolgere compiti e attività tipici della mente e delle abilità umane, dalla sfida sull’intelligenza artificiale alle reti neurali, dal machine learning alle applicazioni industriali.

 

Lezioni e laboratori, ma anche un progetto da sviluppare in squadra

Le tre Summer school si svolgono in forma residenziale, con lezioni, laboratori e incontri dal mattino presto fino a sera inoltrata. I corsi rappresentano anche un’opportunità di socializzazione e l’opportunità di testare con mano la propensione al lavoro di squadra e al team-building. Agli studenti saranno proposti dei problemi generali e a partire da questi sarà chiesto loro di sviluppare un progetto in gruppo, con il supporto dei ricercatori e docenti universitari di Bologna e di Pisa (Centro Piaggio) e degli ingegneri di Coesia, affiancati da tecnici di Dallara e di Zerynth, partner del progetto. Ci saranno poi momenti di dialogo con esperti dal mondo delle imprese e dell’innovazione, imprenditori, intellettuali e creativi.

Per iscriversi servono la media del 7 e un videomessaggio

Per iscriversi c’è tempo fino al 14 giugno: è necessario avere una media del 7 nell’ultimo quadrimestre o al termine dell’anno scolastico 2017-2018 e bisogna inviare un video messaggio nel quale raccontare e motivare la scelta di partecipare alla scuola (durata massima un minuto). I primi 90 classificati nella graduatoria di merito finale corrisponderanno ai 90 partecipanti, 30 per ciascun indirizzo. La Fondazione ha reso disponibili, per ognuna delle Summer School, 10 borse di studio totali e 10 parziali a copertura dei costi di iscrizione e soggiorno per ogni corso di formazione. Coesia ha messo a disposizione 15 borse totali riservate ai figli dei propri collaboratori per ogni corso di formazione. La Summer school è realizzata in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale per l’Emilia-Romagna e fa parte di un più ampio programma educativo rivolto ai giovani della Fondazione Mast, che comprende anche Expeditions, il progetto di alternanza scuola-lavoro che ha già coinvolto oltre 3.500 studenti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»