Tony Awards, De Niro manda a quel paese Trump ed è standing ovation

La dichiarazione trasmessa anche dalla Cbs, ma senza audio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Che Robert De Niro non fosse un fan del presidente degli Stati Uniti Donald Trump era cosa nota, ma che arrivasse a mandarlo a quel paese durante una delle kermesse più importanti del mondo artistico americano nessuno se lo aspettava. E’ successo durante la cerimonia dei Tony Award, i premi statunitensi dedicati al teatro, che si è svolta ieri sera a Manhattan, a cui hanno preso parte anche molti volti noti del cinema a stelle e strisce. E’ cosi’ che l’attore premio Oscar si è ritrovato sul palco della kermesse per introdurre l’esibizione di Bruce Springsteen e senza troppi preamboli ha esordito con un “Fuck Trump”, che nello stupore generale ha generato uno scrosciante applauso da parte della platea, tramutatosi ben presto in una standing ovation. La dichiarazione è stata trasmessa anche sulla Cbs ma senza audio. Robert De Niro già in passato aveva definito Trump un maiale, invitandolo a stare alla larga dai ristoranti NoBu di cui è comproprietario e dichiarando pubblicamente di volere prenderlo a pugni in faccia.

Ti potrebbe interessare:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»