Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Alfano: “Accogliamo i migranti. Ma diciamo noi dove”

E sul Brennero: "Evitato muro grazie ai nostri controlli"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

alfano

SANTA MARGHERITA LIGURE (GENOVA)  – “I migranti vanno a Ventimiglia perché vogliono andare in Francia. Noi siamo un grande Paese, una grande democrazia che accoglie ma l’accoglienza la facciamo dove diciamo noi“. Lo dice il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, a margine del 46° convegno dei Giovani imprenditori di Confindustria a Santa Margherita Ligure.

“Non possono essere i migranti a scegliere dove andare- sostiene Alfano- perché altrimenti nasce un problema gravissimo con la Francia. Continueremo a lavorare per non far arrivare i migranti a Ventimiglia e per far sì che quelli che sono lì vengano trasferiti con tutte le cautele, con il massimo dell’assistenza, in altri centri di assistenza”.

“Abbiamo lavorato con grande efficienza per evitare che i muri venissero eretti“, spiega il ministro. “Proprio un mese fa- ricorda Alfano- sono stato al Brennero e il risultato si è visto perché non sono andati avanti nella costruzione del muro. Questo non è avvenuto per gentile concessione ma perché il nostro sistema dei controlli ha funzionato e perché abbiamo dimostrato che non c’erano migranti che attraversavano il confine e, qualora l’avessero attraversato e fossero stati foto-segnalati, avremmo potuto benissimo riaccoglierli in Italia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»