hamburger menu

Eurovision, la rivelazione sulla vittoria dei Maneskin: “Macron chiamò per farli squalificare”

A fare nuova luce sulla serata finale dell'Eurovision 2021 è stato il commentatore francese Stéphane Bern durante un'intervista alla Bbc

Eurovision

ROMA – A poche ore dalla prima serata dell’Eurovision, in programma a Torino fino al 14 maggio, si riaccende la polemica sul droga-gate che lo scorso anno ha visto coinvolto Damiano David. Il frontman dei Maneskin, era finito nell’occhio del ciclone per un suo gesto andato in onda durante la diretta. Nelle immagini, l’artista era chinato su un tavolino alla Ahoy Arena distratto – secondo quanto riportato dal diretto interessato – da un bicchiere rotto dal compagno Thomas. Un’azione che molti telespettatori europei avrebbero, invece, interpretato diversamente: Damiano sniffava qualcosa e la prova sarebbe stata il colpetto che il compagno di band Ethan gli ha dato sulla spalla proprio in quel momento. 

Accuse poi respinte da Damiano David in conferenza stampa: “Non tiriamo in mezzo la cocaina, per favore ragazzi! Non uso droghe”.

LA CHIAMATA DEL PRESIDENTE MACRON

A fare nuova luce sulla serata finale dell’Eurovision Song Contest 2021, è stato ieri il commentatore francese Stéphane Bern, che durante un’intervista alla Bbc ha affermato che dopo la messa in onda delle immagini ‘ambigue’, ha ricevuto diverse chiamate e tra queste, anche quella di Emmanuel Macron. Il presidente francese ha chiesto a Bern di “fare qualcosa” perché la band romana “andava squalificata”. Intanto i voti continuavano ad arrivare e la Francia, con la cantante Barbara Pravi, era seconda dopo i Maneskin.

LEGGI ANCHE: Da Gigliola Cinquetti ai Maneskin: le vittorie dell’Italia all’Eurovision

LA SCELTA DIPLOMATICA DI DELPHINE ERNOTT

“Ma cosa avrei potuto fare?  Non ero il presidente dell’Eurovision!”, ha detto Bern alla Bbc. Il commentatore ha spiegato che Delphine Ernott, presidente dell’EBU (anche lei francese), ha consigliato di mantenere la calma scegliendo la via diplomatica: “Se vinciamo, vogliamo essere i vincitori per merito, non perché abbiamo squalificato il primo posto”.

“Quindi non abbiamo fatto alcuna protesta per questo“, ha spiegato Bern. Una scelta rivelatasi vincente alla fine dei conti, visto che Damiano David per mettere a tacere le chiacchiere si è subito sottoposto ad un test antidroga, dimostrando di aver detto la verità.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-12T13:52:33+02:00