Ritrovati all’Università di Palermo tesi e libretto del giudice Livatino

libretto e tesi livatino
Il magistrato ucciso dalla mafia agrigentina il 21 settembre del 1990 è stato proclamato beato domenica 9 maggio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Ritrovato nell’archivio storico di ateneo dell’Università di Palermo il fascicolo personale dello di Rosario Livatino, il magistrato ucciso dalla mafia agrigentina il 21 settembre del 1990 e proclamato beato domenica.

LEGGI ANCHE: Mafia, beatificato il giudice Rosario Livatino. Arcivescovo Palermo: “Sue parole attuali”

Vi si trova, fra l’altro, una copia del diploma di maturità classica conseguita al liceo ‘Ugo Foscolo’ di Canicattì, il libretto universitario, la tesi di laurea e altra documentazione che segue le tappe del percorso universitario compiuto nella Facoltà giuridica tra il 1971 e il 1975″, spiega Mario Varvaro, docente delegato del rettore all’archivio storico dell’ateneo. Dalla richiesta al rettore del tempo “di essere ammesso a frequentare il primo corso della facoltà di Giurisprudenza”, datata 4 ottobre 1971, dalla quale risulta che la giovane matricola aveva preso casa a Palermo in una traversa della centralissima via Roma, non lontana dalla stazione centrale, via Santa Rosalia.
Fra la documentazione conservata nel fascicolo vi è anche una fototessera in bianco e nero autenticata che raffigura Livatino all’età di diciannove anni. È la stessa che si trova sul libretto universitario, sul quale sono segnate le tappe del percorso di formazione: dai primi esami sostenuti fra il maggio e il giugno del 1972, Storia del diritto romano, Diritto canonico, Storia delle dottrine politiche, all’ultimo, Diritto civile, sostenuto l’1 luglio del 1975. Quattro lodi e non pochi Trenta. Fra questi, anche quello dell’esame di Diritto penale con il professore Antonio Pagliaro, scelto come relatore per la tesi di laurea su un tema ‘L’autore mediato’. Il fascicolo ne custodisce una copia dattiloscritta dalla copertina azzurra, con qualche correzione a penna. Il 9 luglio arriva il momento della laurea, conseguita con il massimo dei voti e la lode.
Come quello recentemente ritrovato dello scrittore Gesualdo Bufalino (1920-1996), anche questo fascicolo restituisce i frammenti del percorso di formazione compiuto all’Università di Palermo dal giovane Livatino. “Il libretto universitario – spiega il rettore, Fabrizio Micari – sarà esposto nel museo dell’Università di Palermo. Abbiamo deciso di istituire un luogo, che sarà visitabile a breve, in cui fare rivivere la storia dell’Ateneo e di quanti, docenti o studenti, ne hanno fatto parte”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»