A Napoli una panchina rossa per Ornella Pinto, il papà: “Politica carente sotto ogni aspetto”

ornella pinto panchina rossa
Sua figlia di 39 anni è stata uccisa a coltellate lo scorso marzo dal compagno nella sua casa nel cuore della notte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Questa panchina, per cui ringrazio l’autorità portuale e la Uil, e quella di ieri a Brusciano sono segnali forti che possono servire a far riflettere una politica che è carente sotto tutti gli aspetti”. Così alla Dire Giuseppe Pinto, padre della 39enne Ornella vittima di femminicidio lo scorso marzo quando il compagno l’ha uccisa a coltellate nella sua casa nel cuore della notte.
“Mia figlia – rimarca a margine dell’installazione di una panchina rossa al porto di Napoli nel giorno in cui la donna avrebbe compiuto 40 anni – era, è, una docente della pubblica istruzione, un apparato dello Stato, e non abbiamo avuto un messaggio. Una sola parlamentare (la deputata napoletana del gruppo misto Flora Frate, ndr) si è permessa il lusso di presentare una interrogazione davanti ad un’aula vuota: questa è la pochezza” della politica.
Ieri Giuseppe Pinto aveva fatto un appello al capo dello Stato, ribadito oggi, affinché intervenga “per fare provvedimenti snelli, precisi, per scoraggiare questi mascalzoni che hanno in mente di fare cose brutte per gelosia, perché di questo stiamo parlando”.

RAIA: “TROPPI FEMMINICIDI, INSISTERE SUI GIOVANI”

“Nonostante siano passati 10 anni dalla firma della Convenzione di Istanbul solo nel nostro Paese dall’inizio del 2021 registriamo 37 femminicidi. Uno ogni tre giorni e mezzo. Troppi”. Lo dice Loredana Raia, vicepresidente del Consiglio regionale della Campania, in occasione dell’installazione di una panchina rossa in ricordo di Ornella Pinto oggi al porto di Napoli.
Noi come Regione Campania – evidenzia – tra leggi, provvedimenti, risorse significative investite in questi anni, abbiamo già realizzato molte iniziative. Ma non basta. Bisogna continuare a lavorare sulle nuove generazioni, è in loro che dobbiamo instillare il germe del rispetto, della condivisione, della cooperazione tra generi diversi. È con loro che dobbiamo insistere per costruire una società più illuminata e più giusta nel nome di Ornella e del suo sorriso che – conclude Raia – anche la morte, sono certa, non è riuscita a spezzare”.

SGAMBATI: “SVILUPPO OCCUPAZIONE PER CONTRASTARE LA VIOLENZA SULLE DONNE”

L’installazione della panchina rossa al porto di Napoli davanti alla sede della Uil “è anche un modo per ringraziare l’Erfap, il nostro ente di formazione, con cui Ornella ha collaborato prima di insegnare e quindi per noi era di famiglia, così come il padre che è uno storico dirigente del sindacato”. Così alla Dire Giovanni Sgambati, segretario della Uil Campania.
“L’abbiamo voluta installare qui – aggiunge -, e per questo ringrazio l’artista Guerra che l’ha realizzata e l’autorità portuale che ce lo ha permesso, perché sia un monito per il contrasto alla violenza di genere, ma anche un modo per fare di più anche attraverso i nostri uffici per lo stalking e il mobbing. Il compito più grande per noi – conclude Sgambati – è trovare sviluppo nel lavoro delle donne che è il punto più arretrato che abbiamo, anche culturalmente”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»