Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Milano, la candidatura di Albertini non è tramontata. Domani il vertice di centrodestra

De Corato e Tajani rilanciano il nome dell'ex sindaco sponsorizzato dalla Lega. Previsto un incontro tra le delegazioni dei tre partiti di centrodestra per scegliere i nomi in vista delle amministrative in autunno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Marialaura Iazzetti

MILANO – Bisognerà aspettare domani per capire chi sarà il candidato del centrodestra per le comunali di Milano. A sottolinearlo alla ‘Dire’ è il consigliere di Fratelli d’Italia e assessore regionale alla Sicurezza, Riccardo De Corato: “Domani il centrodestra si incontra, come ha detto Antonio Tajani. Aspettiamo e vediamo”. Qualcosa, quindi, potrebbe essere deciso già entro 24 ore. Sulla candidatura di Gabriele Albertini, De Corato sembra far intendere che non tutto è perduto, perché la sua uscita di scena definitiva (o viceversa un suo ritorno in campo) “dipende un po’ da diversi fattori”. Era stato proprio l’assessore di Fdi a proporre per primo l’ex sindaco come sfidante del primo cittadino, Giuseppe Sala. Ma la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, e Silvio Berlusconi non sarebbero ancora dello stesso avviso. In campo ci sono anche le candidature per le altre amministrative, Roma in primis. De Corato dice di “aspettare” anche in riferimento al nome del manager e amministratore delegato di Melita Italia, Riccardo Ruggiero, che ha dato la sua disponibilità per rappresentare il centrodestra alle elezioni a Palazzo Marino.

LEGGI ANCHE: Milano, Albertini rinuncia alla candidatura a sindaco. Sala: “Lo convincerò a votare me”

BASTONI: “ALBERTINI NON SI È SFILATO DEL TUTTO, CENTRODESTRA CONVERGA SU DI LUI”

“Albertini non si è sfilato completamente, ma sulla sua candidatura deve esserci la convergenza di tutto il centrodestra“. A parlarne con la ‘Dire’ è Massimiliano Bastoni, consigliere leghista di Milano al Pirellone, che ribadisce nuovamente quanto per il Carroccio il candidato migliore per le comunali di Palazzo Marino sia l’ex sindaco. La Lega spera che Albertini ci “ripensi” e che gli alleati si convincano a scegliere lui come sfidante di Giuseppe Sala. Non è ancora detto, quindi, che quella lettera pubblicata su ‘Libero’ dallo stesso Albertini sia una reale uscita di scena. “Vista la sua esperienza e il suo peso sarebbe un ottimo candidato per Milano”, ribadisce Bastoni, che invece sul manager e amministratore delegato di Melita Italia, Riccardo Ruggiero non si sbilancia: “Ci sono diversi nomi che si sono succeduti sul tavolo delle trattative. Potrebbe essere un buon candidato, ma bisogna iniziare a ragionare sul fatto che siamo molto in ritardo“. La Lega “vuole battere su questo” e chiede che quanto prima sia trovata una soluzione. Forse il vertice di domani potrebbe sciogliere qualche riserva. Bastoni ci “spera”, ma dice di “non essere in grado” di assicurare che dall’incontro del centrodestra “uscirà un nome definitivo, anche perché sul tavolo ci sono le trattative per le altre amministrative”.

LEGGI ANCHE: Salvini conferma il vertice sulle comunali e non molla sulle candidature di Albertini e Bertolaso

ANCHE TAJANI SPINGE PER L’EX SINDACO

“Già domani ci sarà una riunione tra i responsabili del centrodestra per individuare i candidati di capoluoghi di provincia delle città più importanti, poi la prossima settimana ci sarà una riunione con Salvini e Meloni per individuare i candidati delle grandi città, noi siamo favorevoli a Bertolaso a Roma e mi auguro che ci ripensi Albertini a Milano, sono due ottimi candidati che rappresentano un mondo civico, che vanno un po’ al di là di confini dei partiti e questo permetterebbe al centrodestra di poter governare con figure civiche le due grandi città italiane”. Lo ha dichiarato Antonio Tajani, coordinatore nazionale di Forza Italia, a Rtl 102.5. “Siamo al lavoro anche per le città di Torino, Napoli e Bologna – ha proseguito l’esponente forzista -, a Torino si va verso la candidatura di Damilano che è un imprenditore al di fuori dei partiti ma di area centrista, è un civico e noi pensiamo che i movimenti civici debbano essere protagonisti di una nuova stagione e che ovviamente si riconoscano nei valori di centrodestra”.

COMAZZI: “ALBERTINI È UNA CERTEZZA, CENTRODESTRA SCELGA IL GENERALE GIUSTO”

“Gabriele Albertini è una certezza. Ha già dimostrato di poter amministrare Milano con visione e concretezza”. Così alla ‘Dire’ il capogruppo di Forza Italia in Regione Lombardia, Gianluca Comazzi, commenta la trattativa in corso nel centrodestra per individuare il candidato migliore che sfidi alle comunali il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Per Comazzi, Albertini “ha lasciato un ricordo molto positivo”, perché “nei suoi dieci anni da sindaco la città ha vissuto una grande stagione di sviluppo“. Anche sugli altri possibili nomi in circolazione (ieri ha dato la sua disponibilità il manager Riccardo Ruggiero) il capogruppo di Fi non pone nessun veto sottolineando che “sono tutte personalità di prestigio, con un curriculum professionale notevole e tanta esperienza alle spalle, ciascuno nel proprio ambito”. L’importante, dunque, è trovare al più presto “un generale degno di questo nome” lasciando le questioni nazionali da parte, perché “Milano – a detta di Comazzi – è un’altra cosa”. Questa partita è troppo importante e “se la si vuole vincere bisogna schierare la squadra più forte” lavorando “sui contenuti e non sugli slogan come ha sempre fatto la sinistra in questi anni”. Per il capogruppo di Forza Italia “il centrodestra unito può e deve riconquistare Palazzo Marino: adesso è il momento giusto per individuare il futuro sindaco di Milano”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»