David di Donatello, Geppi Cucciari scherza con Mattarella: “Il mio discorso non censurato…”

geppi cucciari
Show della conduttrice al Quirinale: "Presidente, il suo settennato è stato un kolossal"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “A proposito dei titoli di coda, vorrei ringraziare l’attuale affittuario di questo splendido monolocale…”. Geppi Cucciari è ‘mattatrice’ al Quirinale per la presentazione dei candidati ai Premi ‘David di Donatello’ 2021, che dopo l’edizione ‘a distanza’ dello scorso anno (causa Covid) torna in presenza nel Salone dei Corazzieri. La show-woman scherza con il capo dello Stato, Sergio Mattarella, ‘padrone di casa’ in una cerimonia ancora però caratterizzata dalle misura di sicurezza anti-pandemia con mascherine e distanziamento tra gli ospiti.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Checco Zalone vince il David di Donatello con ‘Immigrato’: “Se lo sapevo venivo”

David di Donatello, trionfo per ‘Volevo nascondermi’

I David di Donatello tornano al Quirinale: Mattarella alla cerimonia di presentazione dei candidati

Cucciari parla del ‘semestre bianco’ e dell’ultimo anno di mandato di Mattarella con una serie di battute, anche sulla nuova vita lontana dal Colle che si aprirà per il Capo dello Stato al termine del settennato. Con un riferimento nemmeno troppo velato alle polemiche per la presunta censura del discorso di Fedez contro l’omofobia denunciata dal cantante contro i vertici Rai al concertone del primo maggio, Cucciari premette: “Questo è un testo che non è stato sottoposto alla censura, ne approfitto per salutare i Corazzieri…”. “In questi anni- dice rivolta a Mattarella- lei è stato uno di noi, ha dovuto esibirsi suo malgrado e fare un po’ di teatro per evitare che tutto diventasse teatrino, qualche volta ha dovuto uscire sul palco e dare un senso alla storia”. E ancora: “Se la sua presidenza fosse un film sarebbe un kolossal: cinque presidenti del Consiglio in sei anni e mezzo, quattro giri di consultazioni, tre mandati esplorativi, migliaia di incontri, regali imbarazzanti dai leader stranieri. Tutto questo non svanirà come lacrime nella pioggia, lei diventerà emerito e noi continueremo ad amarla. Tra l’altro ricordiamo che emerito in Italia è un ottimo aggettivo solo se sei presidente o Papa perché nel traffico non funziona così. Quindi, stia lontano dagli incroci…”.

Parlando dei corazzieri, la conduttrice dice: “La assistono tutto il giorno, fanno la guardia alle Consultazioni quando uno le entra ‘sovranista’ e le esce ‘europeista’… vegliano su di lei tutte le volte che si trattiene, tutte le volte che lei voleva dire qualcosa ai nostri politici e si è morso la lingua. Ce le teniamo per l’ultimo discorso di Capodanno, esce ‘Romanzo Quirinale’. Sette stagioni ci escono!”. Ma al termine del settennato cosa farà Mattarella, si chiede Cucciari: “Potrebbe partecipare a ‘Lol’ (serie comica del momento, ndr.) e vincerebbe a mani basse. Potrebbe fare una nuotatina nella piscina di Cocoon (celebre film americano, ndr.) in cui ogni mattina si bagna. Lei continuerà sempre a vegliare su di noi e di questo la ringrazio”, conclude la comica definendolo “il più nominato dagli italiani, colui che è fortissimo da sette anni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»