Covid, Forza Italia: “Subito cabina di regia su riaperture, incomprensibile rinviare”

forza italia occhiuto
"Venga convocata subito la cabina di regia dell’esecutivo sulle riaperture e le decisioni vengano prese questa settimana", dice Roberto Occhiuto, capogruppo di Forza Italia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Oggi qualche quotidiano riporta indiscrezioni secondo le quali il governo, influenzato soprattutto dalla posizione del Ministero della Salute, sarebbe intenzionato a rinviare alla prossima settimana ogni possibile ragionamento in merito alla revisione del coprifuoco, a nuove riaperture, a indicazioni chiare per i settori che non hanno ancora una data di ripartenza. L’accordo politico raggiuto al momento dell’approvazione dell’ultimo decreto Covid era chiaro: il dl sarebbe stato sottoposto ad un tagliando a metà mese per valutare – in relazione ai dati dei contagi e dei vaccini – possibili allentamenti delle misure restrittive. Venga, dunque, convocata subito la cabina di regia dell’esecutivo sulle riaperture, e le decisioni vengano prese questa settimana, con gli effetti concreti delle stesse che partirebbero da lunedì 17 maggio. I cittadini e le imprese stanno rispettando alla lettera e con grande senso di responsabilità le indicazioni per contenere il virus, ma non capirebbero incomprensibili rinvii o perdite di tempo”. Lo afferma in una nota Roberto Occhiuto, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»