Raid di Israele su Gaza City, almeno 20 palestinesi morti

palestina imago
L'offensiva dell'aviazione di Tel Aviv sarebbe una ritorsione per il lancio di circa 150 razzi verso il territorio israeliano da parte di Hamas
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Foto d’archivio

ROMA – Sarebbero almeno 20 i cittadini palestinesi rimasti uccisi in un raid aereo condotto ieri dall’aviazione israeliana su Gaza City. A renderlo noto è la ministra della Salute Mai al-Kaila. Secondo quanto ha riferito la dirigente dell’Autorità nazionale palestinese (Anp) all’emittente Al-Jazeera, tra le persone decedute ci sarebbero anche dei minori.

LEGGI ANCHE: La reazione dell’Onu: “Sgomberi Gerusalemme Est sono un crimine, Israele si fermi”

L’offensiva dell’aviazione di Tel Aviv è da intendersi come una ritorsione per il lancio di circa 150 razzi verso il territorio israeliano da parte del movimento palestinese Hamas.

Stando all’esercito israeliano, riferisce il quotidiano Haaretz, i razzi hanno raggiunto il sud di Israele e anche la zona di Gerusalemme. Decine sono stati però intercettati dai sistemi di difesa aerea di Tel Aviv e non sembra che abbiano causato vittime o danni ingenti. Il lancio dei razzi è a sua volta una rappresaglia per l’irruzione della polizia israeliana nel complesso della moschea di Al-Aqsa, a Gerusalemme, nel quale sono rimasti feriti oltre 200 manifestanti palestinesi, stando alla Mezzaluna rossa palestinese. I razzi, riferisce Al Jazeera, sono stati lanciati allo scadere di un ultimatum che era stato rivolto da Hamas per il ritiro delle forze di sicurezza israeliane dal luogo di culto.

LEGGI ANCHE: Medio Oriente, 180 palestinesi feriti negli scontri in moschea con la polizia israeliana

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»