Coronavirus, dal Governo più autonomia alle Regioni: “Possibili aperture di parrucchieri e ristoranti dal 18 maggio”

Fra giovedi' e venerdi' saranno rese pubbliche nuove linee guida nazionali che consentiranno alle regioni di riaprire anticipatamente in relazione ai dati del contagio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il governo apre alle riaperture dal 18 maggio con decisioni prese in autonomia dalle Regioni ma sulla base dei nuovi dati relativi all’andamento del contagio. Lo apprende l’agenzia Dire, mentre e’ in corso la videoconferenza tra governo e regioni. Partecipano per l’esecutivo il premier Giuseppe Conte, il ministro delle Regioni Francesco Boccia e il ministro della Salute Roberto Speranza, oltre ai presidenti delle Regioni.

Fra giovedi’ e venerdi’ saranno rese pubbliche nuove linee guida nazionali che consentiranno alle regioni di riaprire anticipatamente in relazione ai dati del contagio. Le regioni avranno la possibilita’ dunque di discostarsi dal quadro nazionale non piu’ solo per restringere. Ma nello stesso tempo il governo potra’ intervenire se i dati lo richiederanno per bloccare eventuali crescite dei contagi. Tra le attivita’ che potrebbero riaprire in caso di dati compatibili ci sono il commercio al dettaglio, la ristorazione e gli estetisti. I relativi protocolli saranno pronti presto.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»