In Calabria riprendono alcune attività sportive, prima il tennis

Già da oggi alcuni circoli sportivi reggini sono pronti per consentire agli amanti delle racchette di poter praticare nuovamente il tennis con incontri individuali
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

REGGIO CALABRIA – È ripartita in parte l’attivita’ sportiva in diverse strutture della Calabria. Grazie anche all’ultima ordinanza della Regione che consente l’avvio di alcune discipline, diversi circoli e gestori di impianti hanno da tempo iniziato i lavori di adeguamento delle strutture, rimodulando le proprie attività nel rispetto delle direttive sanitarie del governo e degli indirizzi del Coni. Saranno tutte discipline legate agli sport da praticare all’esterno, così vale per il tennis, come anche per le attività di fitness, pattinaggio ma anche gli sport di vela. Già da oggi alcuni circoli sportivi reggini, ad esempio, sono arrivati pronti per consentire agli amanti delle racchette di poter praticare nuovamente il tennis, con incontri individuali. Un comitato di gestori di impianti sportivi di Reggio Calabria, costituito lo scorso 4 maggio, è riuscito “a coordinare le attività di ripresa con la finalità di riorganizzare le attività sportive e proteggere un patrimonio non solo economico ma anche sociale e di benessere in un momento storico particolarmente complicato”. Così alla Dire il portavoce del comitato, Marco Polimeni, che raggruppa diverse discipline sportive come arti marziali, pattinaggio, tennis, fitness, pallacanestro, calcio, calcio 5, hockey su prato, nuoto. “Dopo il nostro appello – ha aggiunto Polimeni – siamo riusciti ad essere ascoltati dalla Regione e dal Comune di Reggio Calabria che hanno accolto le nostre istanze con una positiva interazione istituzionale”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»