Roma, al via piano vaccini per bimbi in campi nomadi: c’è anche Osa

'Favoriamo salute e integrazione sociale'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È partito il piano che prevede la vaccinazione di oltre 400 bambini che vivono in quattro campi rom presenti nella Capitale. La prossima tappa si terra’ il prossimo 23 maggio presso il Camping River che si trova nel XV Municipio. Poi il 28 sara’ la volta di via La Monachina, XIII Municipio, per poi chiudere il 30 con via Cesare Lombroso, XIV Municipio. L’idea nasce su input del Dipartimento Regionale Salute e Politiche sociali della Regione Lazio e vede la collaborazione della Asl Roma 1 per i territori di competenza, in particolare i servizi di Accoglienza dei Distretti della ASL, dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesu’, della Comunita’ di Sant’Egidio e della Cooperativa OSA.

“In questo progetto, giunto quest’anno alla sua seconda edizione, Osa svolge un importante funzione gestionale fornendo il camper-ambulatorio mobile completamente attrezzato, grazie al quale sono rispettate tutte le condizioni igenico-sanitarie e di privacy. Inoltre la cooperativa mette in campo i suoi infermieri ed autisti”, ha dichiarato Giovanna Russo, coordinatrice infermieristica Osa per il progetto “Nontiscordardime”. Il merito di questa campagna di screening consiste nel fatto che i bambini non vengono solo vaccinati ma anche visitati dalla dottoressa Rosaria Giampaolo, primario dell’ambulatorio pediatrico del Bambino Gesù, per un controllo sanitario a 360 gradi. Questo lavoro, portato avanti in modo coordinato da tutte le realtà coinvolte, “mira ad incentivare, in queste popolazioni che vivono in condizioni di disagio e in modo coatto nei diversi 4 campi Rom di Castel Romano, una maggiore cultura sull’importanza di sottoporsi a vaccinazione e più in generale a prevenzione sanitaria”, prosegue Russo, che conclude: “Noi cerchiamo come Osa, insieme agli altri attori, di incentivare le vaccinazioni seguendo i calendari vaccinali, inclusi nel Piano nazionale prevenzione vaccinale. Questo è strategico in termini di salute ma anche di integrazione, se pensiamo ad esempio all’obbligatorietà vaccinale a scuola. L’obiettivo di campagne come questa è di salvaguardare la salute dei piccoli”.

LEGGI ANCHE

Vaccini, invertita la tendenza: crescono le coperture per i bambini

Vaccini, Unicef: “Nel 2016 1,4 milioni di bambini sono morti per malattie prevenibili”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»