Dj Fabo, gip non archivia. Cappato: “Rispetto decisione, ma continuo disobbedienza”/VIDEO

Marco Cappato è finito sotto indagine per aiuto al suicidio dopo essersi 'autodenunciato' per aver accompagnato dj Fabo in Svizzera
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Il gip di Milano ha detto ‘no’ all’archiviazione chiesta dalla Procura per Marco Cappato, accusato di aiuto al suicidio, a marzo, per aver accompagnato dj Fabo in Svizzera per l’eutanasia. La Procura, che aveva iscritto Cappato nel registro degli indagati in seguito alla sua autodenuncia, ha chiuso le indagini e chiesto l’archiviazione. Il gip di Milano Luigi Gargiulo, però, ha rigettato la richiesta e fissato un’udienza, il 6 luglio, per discutere della vicenda.

“Rispetto per decisione gip. Tema difficile. Con Associazione Coscioni ci battiamo per diritto a vivere #liberiFinoAllaFine. Proseguo disobbedienza”. Lo scrive su twitter Marco Cappato, in merito alla decisione del gip di Milano di non archiviare le indagini a suo carico.


LEGGI ANCHE:

Dj Fabo, Marco Cappato si autodenuncia: “Avanti finché non saremo fermati”

Dj Fabo, Cappato indagato dalla procura per “aiuto al suicidio”: rischia fino a 12 anni

Eutanasia, l’appello di Fabo a Mattarella: “Vorrei scegliere se morire”/VIDEO

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»