Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Gay, a Mosca fermato e poi rilasciato attivista italiano

Stava consegnando le firme raccolte per una petizione contro le discriminazioni a danno dei gay in Cecenia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Fermato a Mosca l’attivista italiano Yuri Guaiana. Stava consegnando le firme raccolte per una petizione contro le discriminazioni a danno dei gay in Cecenia. L’attivista milita nell’associazione radicale Certi diritti.

Il Consolato d’Italia a Mosca lo ha assistito.

Guaiana è stato poi rilasciato, così come gli altri attivisti.

“Yuri Guaiana è stato rilasciato. Assistito dal Consolato, viene accompagnato ora in areoporto. @CertiDiritti  #Gay #Cecenia #Mosca”,  scrive su twitter il sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»